IL 17 MARZO RICORRE IL CENTENARIO DALLA NASCITA DELLA BEATA MARIA GABRIELLA SAGHEDDU DI DORGALI: ESEMPIO DI ECUMENISMO SPIRITUALE PER L’UNITA’ DEI CRISTIANI


di Cristoforo Puddu

Il 17 marzo ricorre il centenario dalla nascita della Beata Maria Gabriella e nelle chiese parrocchiali di Dorgali, suo paese natale, e a Nuoro si sono già tenuti incontri, celebrazioni ed una settimana di preghiera per l’unità dei cristiani.

Maria Sagheddu (17 marzo 1914 – 23 aprile 1939) è alto esempio di religiosa, a vent’anni entrò nel Monastero delle Trappiste di Grottaferrata, che offrì spontaneamente, con profondo senso di ecumenismo spirituale e semplicità, la propria vita di sofferenze (la tubercolosi polmonare si manifestò improvvisa in lei il giorno stesso della sua offerta-olocausto per la causa dell’unità dei cristiani, portandola alla morte nella domenica del Buon Pastore e mentre il Vangelo proclamava: “un solo gregge e un solo pastore”-Gv 10,16) e di preghiera per l’Unità della Chiesa e per i fratelli separati.

 Proclamata beata il 25 gennaio 1983 da Giovanni Paolo II, nella Basilica di San Paolo fuori le Mura e a conclusione della Settimana di preghiera con tanti fratelli cristiani non cattolici, verrà additata come fulgido “segno dei tempi e modello di quell’Ecumenismo spirituale a cui ci ha richiamato il Concilio… Ella ci incoraggia a guardare con ottimismo – al di là e al di sopra delle inevitabili difficoltà proprie del nostro essere uomini – alle meravigliose prospettive della unità ecclesiale”. Lo stesso Santo Padre, nella Lettera enciclica Ut unum sint del 1995, evidenziava come fosse determinante la preghiera nella direzione dell’impegno ecumenico e come “l’esempio di suor Maria Gabriella ci istruisce, ci fa comprendere come non vi siano tempi, situazioni o luoghi particolari per pregare per l’unità. La preghiera di Cristo è modello per tutti, sempre e in ogni luogo”.

Il corpo della Beata Maria Gabriella è custodito in una cappella adiacente al Monastero delle Trappiste di Vitorchiano (VT), sede della comunità religiosa dopo il trasferimento da Grottaferrata nel 1957.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *