I TURISTI TORNANO IN SARDEGNA: NEL 2013 UNDICI MILIONI DI PRESENZE

Stintino (foto Perlato M.)

I turisti tornano ad animare la Sardegna. Dati positivi quelli presentati stamattina all’assessorato del turismo che segnano un’inversione di rotta rispetto al trend negativo registrato negli ultimi tre anni: con oltre 2 milioni di arrivi e 10 milioni e 852 mila presenze si torna ai livelli del 2011.  “Finalmente la Sardegna torna ad occupare la posizione che merita nello scenario turistico nazionale e internazionale” ha dichiarato Crisponi, ”i dati presentati sono per noi di grandissimo rilievo: i primi positivi di un triennio segnato dalla crisi economica e dalla questione degli armatori”. Un’annata positiva con gli stranieri protagonisti: il 47% di coloro che nel 2013 hanno visitato l’isola, quasi 5 milioni di presenze, provengono da oltre confine. I dati, in crescita, vedono i tedeschi occupare saldamente la prima posizione, con quasi un milione di visitatori, seguiti dai francesi, con un incremento del 25%, dagli svizzeri e dagli inglesi. Boom di russi: lo scorso anno in 227 mila si sono recati in Sardegna, il 51% in più rispetto al 2012. “Gli stranieri visitano l’isola anche al di fuori dei mesi canonici: un tipo di turismo che ci lascia ben sperare per il futuro” ha affermato l’assessore. Numeri di particolare rilievo possibili soprattutto grazie ai collegamenti aeroportuali: gli aeroporti isolani hanno registrato 7 milioni 180mila arrivi, con un incremento dell’11% . In questo trend positivo si inserisce anche la Tirrenia con un aumento del 13,80% di passeggeri trasportati. Il 29 gennaio verrà presentato il Piano strategico per il turismo regionale, “nato da un ascolto certosino del territorio, che avrà nel mirino le criticità da superare partendo dai nostri valori quali l’identità, l’ambiente e la qualità della vita” ha concluso Crisponi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *