IL 15 NOVEMBRE A ORISTANO, IL SECONDO INCONTRO SUI MEDIA PER IL CORSO "IMPARIAMO A COMUNICARE": SI PARLERA' DELLE POTENZIALITA' DEL MEZZO TELEVISIVO

Rosario Carello

di Gian Piero Pinna

Nella sede universitaria del Consorzio Uno, in via Carmine ad Oristano, il 15 novembre prossimo, con inizio alle 19, si terrà il terzo incontro del ciclo di seminari di introduzione al giornalismo “Impariamo a comunicare” organizzati da  L’Arborense, dall’associazione Oristanesi, dall’Arcidiocesi di Oristano e dall’Università di Oristano. A guidare il terzo appuntamento del corso, il giornalista Rai e conduttore del programma “A sua immagine”, Rosario Carello, che illustrerà le potenzialità della Tv, come strumento utile nel panorama delle comunicazioni sociali. “A sua immagine”, è un programma televisivo a carattere e sfondo cattolico in onda il sabato pomeriggio alle 17.10 e la domenica mattina alle 10.30 su Rai 1 e offre al pubblico numerose storie riguardo alla vita di persone comuni, che attraverso la loro fede portano avanti desideri, passioni e opere per la comunità.

Nato nell’ottobre del 1997,  sulla scia delle rubriche religiose presenti nel palinsesto della Rai dal 1954, “A sua immagine”, tra il 1997 ed il 1999, fu condotto da Arianna Ciampoli, mentre dal 1999 al 2005, a condurlo era stata Lorena Bianchetti, dal 2005 al 2008, a presentarlo  c’era Andrea Sarubbi, eletto poi parlamentare nelle liste del Partito Democratico, mentre adesso è stato affidato a Rosario Carello, che ha iniziato la sua attività professionale a 17 anni nelle radio, collaborando con varie testate e con la Carello Editore.  Ha lavorato a TV2000 e oggi, oltre all’attività di autore e conduttore di “A Sua Immagine”, collabora anche con Famiglia Cristiana.

Nel Venerdì Santo 2011, ha intervistato papa Benedetto XVI e con le Edizioni San Paolo, ha recentemente pubblicato il volume “I racconti di Papa Francesco. Una biografia in 80 parole”.

Dopo gli incontri dedicati alle nuove tecnologie e al ruolo dei media in occasione della visita del Papa in Sardegna, ora è il turno di Rosario Carello, che illustrerà le potenzialità del mezzo televisivo come strumento utile nel panorama delle comunicazioni sociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *