MORGAN CASTOLDI, L'ABIETTO: LA TRAPPOLA DEI TALENT SHOW CHE HA INGHIOTTITO LA GIOVANE SARDA JESSICA MAZZOLI

Morgan Castoldi e Jessica Mazzoli

di Claudia Crabuzza

Morgan, il vostro giudice preferito del vostro Talent Show preferito, fa una battuta penosa per giustificare il fatto di non aver visitato in Sardegna per molti mesi sua figlia di otto mesi (quindi mai). A parte i commenti sul suo razzismo manifesto, e a parte gli auguri che incappi prima o poi in qualche simpatico carnevale sardo a fine nottata, quando l’alcol e l’eccitazione renderebbero giustizia alle sue paure ancestrali, mi viene da fare una considerazione. Che questa triste storia che vede la ventenne Jessica Mazzoli sedotta e abbandonata con figlia appena nata, dopo brevi ma intensi maltrattamenti, dal quarantenne dandy Castoldi, non è solo la storia di una coppia finita male, come tante. E’ anche l’estremizzazione di quello sfruttamento palese e ormai accettato di ragazzini ignari che si illudono di fare carriera nei talent show. Buttati in pasto allo spietato business televisivo e poi delle piazze, con manager senza scrupoli e contratti capestro di cessione dei propri diritti, vengono abbandonati dopo solo una stagione, magari nemmeno maggiorenni, con una carriera macchiata da partecipazioni imbarazzanti e dischi realizzati in dieci minuti, di cui si vergogneranno a vita (se eventualmente avranno ancora una minima possibilità di fare un passo nel mondo della musica). Chi non l’ha mai provato non si rende conto di che cosa significhi trovarsi davanti a un pubblico grande e adorante. L’emozione, l’energia e il senso di potere che si creano magicamente sul palco finiscono in un vuoto naturale quando si rientra a casa, o più spesso in hotel, da soli e nel silenzio. Ci vogliono maturità e equilibrio per affrontare se stessi da soli, senza applausi, senza boati. Sono doti che chi è così giovane non possiede, per questo spesso la fine è rapida e molto triste, per questo non si dovrebbero usare questi ragazzi come carne da macello per delle trasmissioni televisive che non hanno altro interesse che alimentare la propria audience. Per questo a mio (integralista) parere si è colpevoli anche solo a fare gli spettatori. Per questo il vostro Morgan è mille volte abietto: per essersi prestato al peggiore baraccone televisivo, affossando definitivamente anche la propria credibilità di cantante e autore, e per essersi approfittato della propria posizione di forza a spese di una ragazzina, probabilmente dotata, ma di cui probabilmente da ora in poi non conosceremo altro che vicende giudiziarie amare.

Una risposta a “MORGAN CASTOLDI, L'ABIETTO: LA TRAPPOLA DEI TALENT SHOW CHE HA INGHIOTTITO LA GIOVANE SARDA JESSICA MAZZOLI”

Rispondi a Renzo Cappai Diana (Terralba) Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *