S'ISTADI CUN S'ACSIT: L'ESTATE CALDA IN TOSCANA CON L'ASSOCIAZIONE SARDA DI FIRENZE


di Mattia Lilliu

#Sardegna , #musica, #estate, #tradizioni, #ACSIT. Se dovessimo riassumere con soli 5 hashtag, i popolari tag utilizzati sui social network per creare delle etichette, sarebbero queste le parole-chiave per riassumere l’estate targata Associazione Culturale dei Sardi in Toscana. I volontari del capoluogo toscano hanno deciso di non abbandonare i propri soci e amici durante il peridio vacanziero organizzando la prima edizione de “S’Istadi cun s’ACSIT”, manifestazione che nei mesi di luglio e agosto regalerà al pubblico fiorentino una serie di appuntamenti canori e musicali legati alla musica sarda e alle tradizioni della nostra isola. Il fitto calendario, che potrebbe arricchirsi nel corso delle prossime settimane, ha visto andare in scena giovedì 18 luglio il gruppo musicale AMISTADE. Sul palco del circolo ARCI ISOLOTTO Susy Berni, Nicola Cavina e Antonio Mereu,hanno eseguito, tra il loro vasto repertorio, una serie di canti tradizionali della Sardegna che sono stati rielaborati dal gruppo per ricreare in chi ascolta le sensazioni, i colori e le visioni della nostra isola. Concerto che sarà poi replicato venerdì 23 agosto. La stessa location giovedì 25 luglio ospiterà le esibizioni di un altro gruppo, gli AMMENTOS. Il trio composto da Gianni Cammilli, Gianna Deidda e Antonio Mereu propone, accanto all’interpretazione di musica d’autore italiana e internazionale, numerosi brani in limba sarda con lo scopo di ripercorrere attraverso l’interpretazione musicale tutti i dei ricordi, gli ammentos appunto, che abbiamo della nostra terra. Infine bisognerà aspettare domenica 25 agosto per ascoltare, in Toscana, la cantante Elena Ledda e I Tenores di Neoneli. Questi affermati artisti sardi a livello internazionale calcheranno il palco del parco del Castello dell’Acciaiolo di Scandicci nell’ambito della manifestazione SLOW FOLK 5, altra importantissima manifestazione organizzata dall’ACSIT con l’Associazione Slow Food e che vedrà al centro la valorizzazione della Sardegna, delle sue tradizioni culinarie e musicali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *