THE TASTE OF DEMOCRACY: IL PROGETTO DELLE ACLI FINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA

il meeting internazionale a Cipro

dalle ACLI Sardegna

I primi risultati per il progetto delle Acli “The Taste of Democracy”, finanziato dall’Unione Europea nell’ambito della Sezione Youth in Action, che vede coinvolti un gruppo di giovani appartenenti ai circoli Acli di Gesico, Mandas, e della provincia di Cagliari. Per il presidente delle Acli Mauro Carta “il progetto nasce con lo scopo di favorire la promozione e lo scambio, la partecipazione e la discussione dei giovani appartenenti a diverse culture nei processi decisionali democratici, e vede quindi impegnati, oltre ai giovani sardi, anche due gruppi provenienti da Cipro e dalla Lettonia”.  Il primo meeting internazionale, svoltosi a Gesico dal dal 12 al 17 ottobre 2012, è stata occasione per il gruppo di partecipanti per entrare nel vivo della discussione sulle tematiche della disoccupazione giovanile, della corruzione e libertà di stampa e dei processi decisionali democratici così come organizzati nei diversi paesi, attraverso lavori di gruppo e l’incontro con le autorità locali. È stata questa anche occasione per addentrarsi nella conoscenza della storia, cultura e delle tradizioni italiane e soprattutto Sarde, attraverso la partecipazione ad eventi culturali locali nelle città di Mandas e Gesico. Il secondo meeting internazionale, avvenuto a Cipro dal 27 Novembre al 1° Dicembre 2012, è stata occasione per i giovani partecipanti di approfondire le tematiche relative al significato del termine “democrazia” e all’analisi dei diversi sistemi democratici europei attraverso gruppi studio, incontri con le autorità locali e visita alla sede del Parlamento. I giovani hanno avuto occasione di conoscersi meglio e rinforzare i loro legami, anche attraverso la conoscenza delle tradizioni, della storia e della cultura di Cipro. Il progetto, ancora in corso, vedrà realizzarsi il terzo e ultimo meeting internazionale in Lettonia, paese capofila del progetto, dove le conoscenze acquisite e i dibattiti portati avanti nel corso di questi mesi saranno il bagaglio culturale che permetterà ai giovani di ragionare insieme nel proporre idee, iniziative, strategie che possano essere adeguate al fine di valorizzare e rispondere alle problematiche che i diversi paesi coinvolti condividono nella propria organizzazione politico-parlamentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *