OTTANA: MARCHIO DOC PER BOES E MERDULES. CONCESSO L'IMPORTANTE RICONOSCIMENTO ALLE MASCHERE TRADIZIONALI


La procedura intrapresa due anni fa dal Comune di Ottana per ottenere il marchio Doc (denominazione di origine controllata) per le maschere etniche del paese, boes, merdules e filonzana, è in dirittura d’arrivo. Manca ancora qualche dettaglio, ma ormai il più è fatto. Al punto che il sindaco Gian Paolo Marras ha fissato per il 10 febbraio, in pieno Carnevale, la presentazione ufficiale del marchio nel corso di una manifestazione che si terrà nell’aula consiliare con inizio alle 10. La presentazione sarà preceduta da un convegno sull’identità, la cultura e le opportunità delle maschere, che si terrà il 7 febbraio alle 10 a Sassari, in via Zanfarino, nella sede del dipartimento di Storia, scienze dell’uomo e della formazione dell’università sassarese. Relatori: i docenti di storia delle tradizioni e di antropologia culturale Mario Atzori e Maria Margherita Satta, il sindaco di Ottana Gian Paolo Marras, il cantautore Piero Marras e gli artigiani ottanesi Gonario Denti e Franco Carotti. Il sigillo culturale dell’università di Sassari, con la quale il Comune ha firmato una convenzione per valorizzare la storia e le tradizioni popolari del paese, darà una sorta di imprimatur al marchio Doc delle “caratzas” (maschere) di Ottana. L’evento sarà immortalato il 10 febbraio con un annullo speciale di Poste italiane che dedicherà un francobollo a boes e merdules. «L’iniziativa – dice il sindaco Marras – si colloca nell’ambito di una serie di attività che abbiamo messo in campo per valorizzare la nostra storia e la nostra cultura. Un contenitore che vogliamo trasformare in occasione di rilancio economico e sociale». Cultura, storia e identità, insomma, quali tasselli di uno sviluppo destinato a soppiantare quello industriale ormai in decadenza irreversibile. Una strada che parte dal recupero dei simboli che garantiscono originalità alla vera tradizione identitaria ottanese. Il marchio Doc, appunto, che sarà concesso dal Comune agli artigiani di Ottana che intarsiano le maschere. Il logo sarà depositato alla Camera di commercio di Sassari dall’avvocato Rossana Fadda, che ha seguito la complessa pratica per conto dell’amministrazione comunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *