UN FUTURO PIENO DI GROSSE INCERTEZZE: TRA LA CONFUSIONE E L'INCOERENZA, LA REGIONE SARDEGNA METTE IN GINOCCHIO LE ASSOCIAZIONI DEGLI EMIGRATI SARDI, QUELLE CHE GLI ASSESSORI E I GOVERNATORI DI TURNO (BONTA' LORO) CHIAMANO "AMBASCIATE DELL'ISOLA NEL MONDO"

gli esponenti della FASI alla riunione di Cinisello Balsamo. Da sinistra: Franco Saddi, Paolo Pulina, Tonino Mulas, Antonello Argiolas

di Massimiliano Perlato

Sono i segnali inequivocabile della crisi globale, quella che sta mettendo in ginocchio le economie di tutto il mondo. E la Sardegna, più di tutto e di tutti, è in balia delle sue incertezze e delle sue incapacità anche istituzionali di rimettersi in gioco per cercare le soluzioni più composite per rialzarsi. E’ tramortita come un pugile all’angolo dopo aver incassato duri colpi e non da segni di reazione. Quotidianamente lo dimostrano la cronache che riempiono le pagine dei giornali nella molteplicità delle sue problematiche condite dalla litigiosità indulgente dei sua classe politica e la rassegnazione tipicamente sarda del suo popolo nel tentativo di sopravvivere a questo sbando collettivo. Non poteva essere assolutamente risparmiato da questa mannaia cupa il mondo dell’emigrazione sarda organizzata, che da diversi lustri si genera in un contorto cordone ombelicale collegato a mamma Regione Sardegna ed in particolare all’Assessorato al Lavoro da cui dipende in toto. Succede poi che le già risicate risorse a disposizione per caldeggiare l’isola nella sue peculiarità molteplici (dalla promozione del turismo alla cultura), di punto in bianco siano state del tutto interrotte. Cavalcando il principio statale del “patto di stabilità”, la Giunta Regionale Sarda, di fatto ha messo in crisi l’apparato di associazioni sarde in giro per il mondo, che pur imperniandosi sul volontariato puro, si è visto fortemente penalizzato dallo svolgere in futuro le attività culturali già preposte ma anche a dover ad oltranza indugiare, se va bene, le risorse “promesse” per le attività già concluse. Una circolare quella sottoscritta dal neo direttore del Servizio delle Politiche Sociali, Cooperazioni e Sicurezza Sociale, Francesca Piras, che ha creato il panico incondizionato. La prima replica, autoritaria ed impetuosa, è stata portata avanti dall’Ufficio di Presidenza della Consulta, guidato da Domenico Scala, già Presidente della Federazione dei circoli sardi in Svizzera, coadiuvato da Tonino Mulas, presidente onorario della F.A.S.I. e da Vittorio Vargiu della Federazione dei circoli dell’Argentina, oltre a Giuseppe Dessì delle ACLI. Una risposta ferma e risoluta in cui si fa risaltare il disastro che questa decisione produrrà senza dubbio, che all’inizio si presentava come irreversibile, perché – dice il comunicato – trascinerà molte associazioni alla non indolore  chiusura delle attività soprattutto nelle già poco stabili realtà all’estero. Al documento di disapprovazione, nel giro di poche ore hanno aderito i rappresentanti dell’emigrazione distribuiti in tutti i Continenti: dal Perù alla Germania, dall’Australia al Canada. L’urlo della protesta si è levata unanime e la preoccupazione del tracollo se non ci sarò un serio e soprattutto concreto passo indietro, è reale. Una grande beffa per tutti coloro che in questi decenni hanno tenuto alto il nome dei quattro mori in giro per il mondo. Serafina Mascia Presidente della Federazione delle Associazioni Sarde in Italia dallo scorso ottobre, mostra apprensione. La pretesa della chiarezza da parte dei funzionari della Regione è un passo indispensabile. “L’Assessorato – dice la Mascia – deve darci disposizioni e numeri più precisi in modo tale da poter affrontare questa emergenza con un piano pertinente ed assodato. Esigiamo di conoscere quale sarà alla fine il contributo per la F.A.S.I. del 2012 innanzitutto per il funzionamento dei circoli. Non abbiamo cognizione al momento di quale sia il contributo verrà assegnato ad ogni circolo e anche alla Federazione.”  Un sollecito che arriva da ogni angolo d’Italia ove sia presente un sodalizio sardo ed invade la bollente casella di posta elettronica dei funzionari regionali perché le risposte su cosa sopraggiungerà in futuro siano garantite. Tonino Mulas, intervenuto nella riunione dei circoli sardi della Lombardia che si è svolta a Cinisello Balsamo non nasconde il disagio. “In Regione Sardegna c’è tanta confusione e poca nitidezza. La situazione è angosciosa e rischia di portare alla chiusura di diversi circoli anche in Italia”. La consapevolezza che la crisi globale ha decisa preponderanza sulle tematiche legate all’emigrazione è un dato inconfutabile e gli stessi dirigenti della Federazioni hanno  coscienza di quali siano le priorità. Di fronte ad un collasso economico che sta attanagliando l’isola, c’è poco da pretendere. Però manca logicità nel parsimonioso e laborioso lavoro dei funzionari che devono gestire il rapporto con l’emigrazione sarda. “Avessero arginato i progetti futuri della F.A.S.I. – sostiene Mulas – nessuno avrebbe avuto alcun motivo per controbattere. E’ il pregresso che ci manda in crisi. Non si può depennare quanto soltanto un mese fa è stato legittimamente approvato, senza un consulto, senza un preavviso e con tanti soldi già spesi per concretare attività già portate a termine”.  Mulas ha evidenziato con amarezza come queste situazioni nella sua Presidenza FASI durata nove anni e conclusa nel 2011, non siano mai accadute, pur con qualche indicazione di grossa incertezza, fosse già trapelata nell’ultimo periodo. I meccanismi politici si sono inceppati, complici le continue crisi istituzionali e talvolta l’inadeguatezza e la superficialità del lavoro svolto in Regione. “Ci vorrà grande pazienza – conclude Mulas  – e soprattutto dobbiamo proseguire il nostro lavoro, dimostrando di essere vivi producendo attività culturale, cercando di economizzare in ogni modo.  Fermarci – dice Mulas – sarebbe l’errore peggiore che potremmo fare”. L’obiettivo principale dell’Ufficio di Presidenza della Consulta è ora quello di incontrare il Governatore Cappellacci. “E ci deve ricevere – fa sapere Domenico Scala – non lasceremo le sue stanze finchè non ci avrà chiarito i diversi aspetti contorti di questa vicenda”.

13 risposte a “UN FUTURO PIENO DI GROSSE INCERTEZZE: TRA LA CONFUSIONE E L'INCOERENZA, LA REGIONE SARDEGNA METTE IN GINOCCHIO LE ASSOCIAZIONI DEGLI EMIGRATI SARDI, QUELLE CHE GLI ASSESSORI E I GOVERNATORI DI TURNO (BONTA' LORO) CHIAMANO "AMBASCIATE DELL'ISOLA NEL MONDO"”

  1. I circoli sardi sono fondamentali. Non dovrebero nemmeno balenare dubbi o incertezze a riguardo. Son veicoli importanti per la promozione della cultura e della storia della Sardegna. Sono testimoni di una storia difficile e di come i sardi,… in ogni parte del mondo, pur tra mille difficoltà hanno saputo tirare avanti senza dimenticare mai le loro origini, la loro provenienza e la forte identità. Son nati raggruppandosi in una sede, spesso senza tante pretese ma quella, per loro, era la “casa”, era la Sardegna. E oggi, per tutti i sardi, emigrati o in Sardegna, le sedi dei circoli rappresentano quel pezzo di Sardegna che si fa e si vuole far sentire a Milano come a Lucerna, in Australia come in Argentina. Servono chiarezza, coerenza ma sopratutto l’intelligenza e la sensibilità nel capire l’importante e le potenzialità, troppo spesso ignorate dei circoli sardi nel mondo. Fasi

  2. Nel Paese delle incertezze, questa è solo una delle tante. A Udine possiamo solo fare affidamento su quanto di buono abbiamo fatto fino ad ora, e su quanto abbiamo messo da parte (finchè dura…). Sebbene la nostra sia un’opera di volontariato, proprio alla vigilia di un evento di promozione dell’Isola in Austria ci toccherà stringere la cinghia…e anche quel poco che possiamo fare per la madrepatria rischia di diventare nulla. Insomma, come dicono i miei amici siciliani, siamo a mmare!

  3. Grazie Mariella, una sola voce il più delle volte non viene neanche ascoltata. A maggior ragione dobbiamo essere in tanti a manifestare il disappunto riguardo la circolare che recentemente la Regione Sardegna tramite l’assessorato al lavoro… ha inviato a tutti i circoli sardi. Chi se non gli emigrati rappresentano un importante capitale sociale culturale ed economico? Ed allora perchè colpire loro? Forza paris , viva i circoli sardi in Italia e nel mondo.

  4. Sta per nascere un nuovo movimento Politico di Emigrati Sardi
    ESTIP per diffendere ciò che hanno creato in Italia e all’Estero
    e per mandare a casa chi è contro il mondo dell’emigrazione.

  5. aderisco subito…intanto la RAS se ne frega degli emigrati sardi nel mondo…e una vergogna…un disastro…bravo Signor Assessore Loiri…bel lavoro….ma quando si dimette ?

  6. AJÒ MARIO….. potresti scandirmi questa parola ( ESTiP)…. da tener presente che figura da anni nel mondo dell`emigrazione “Sardi nel Mondo” mi auguro che questa proposta non si identica a quella del famoso ups…. saludos corales

  7. Massimiliano è giunto il momento di essere tutti uniti, altrimenti è la fine dell’associazionismo sardo nel mondo e di tutti i sacrifici che abbiamo fatto negli ultimi anni

  8. Io ho tante ferie e pure la testa calda nonostante la mia eta’, perche’ non ci organizziamo in gruppo e andiamo a far visita a questi signori?Piantiamo le tende in regione, facciamoci sentire e’ tempo che la smettano di prenderci in giro.

  9. Ma piantatela! Ci son problemi seri oggi per la Sardegna!! Troverete un altro luogo dove giocare a carte e stabilire se i 4 mori debbano essere bendati o no….il circolo degli anziani di zona è un’ottima opportunità. E la Regione Sardegna non butterà soldi invano.

  10. I problemi della Sardegna cara signora Pina Canu riguardano tutti sardi e anche i 700’000 che sono fuori della nostra terra e che rappresentano testimoni importanti della storia dell’emigrazione….Faccio presente alla signora Canu che non si gioca a carte da anni, che per noi i 4 mori bandati o meno non ce ne frega niente…A noi importa promuovere la Sardegna fuori confine e fare in modo che la gente vada in ferie in Sardegna, compra i prodotti nostri sardi, ecc,ecc…Ma mi sa che Lei fa veramente difficolta a capire…Il suo modo agressivo di dire : piantala…basta…ecc…dimostra tutto 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *