IL GIORNO DELLA MEMORIA A CAGLIARI: IL RICORDO E' UN MODO D'INCONTRARSI


di Brunella Mocci

Secondo gli intendimenti dell’Assessore Provinciali alle Politiche Giovanili Marta Ecca per le nuove generazioni non è semplice attribuire il giusto peso alla parola “ricordo”, alla parola “memoria”, proprio perché non è affatto semplice aver memoria per un qualcosa che appartiene solo indirettamente. Quei drammatici avvenimenti storici ci appartengono eccome: aver memoria non significa soltanto guardare film sull’accaduto, ascoltare testimonianze dirette, avere asettiche conoscenze nozionistiche, assimilare con freddo distacco pagine di storia. Aver memoria significa tradurre in chiave moderna quei trascorsi, assimilare l’orrore, rielaborare quei drammi per poi tradurli in consapevolezza e, nel concreto, in comportamenti che fanno del rispetto verso il prossimo l’abc del vivere quotidiano. Per rifiutare l’abominio del quale tante donne e uomini si son macchiati bisogna capirlo e, per noi che non l’abbiamo vissuto, occorre coglierne le cause profonde individuando le attuali forme di rifiuto e intolleranza. Per questo l’Assessore Marta Ecca e l’Assessorato alle Politiche Giovanili della Provincia di Cagliari, in data 27 Gennaio 2012, si è fatta promotrice di un pubblico evento, seguendo un precisa suddivisione temporale:

1) Il Passato, con la rievocazione storica dell’Olocausto del Popolo Ebraico;

2) Il Presente, con l’individuazione delle contemporanee forme di avversione, violenza, discriminazione, intolleranza, sopruso, guerra, strage;

3) Il Futuro, con sensibilità, battaglie e prospettive a confronto. Come combattere l’indifferenza e, nel presente, gettare le basi per un futuro nel rispetto del principio di uguaglianza, formale e sostanziale.

Narratori e oratori nella manifestazione:

Saluti Istituzionali: Presidente f.f. Angela Quaquero; Assessore Politiche Giovanili Provincia di Cagliari Marta Ecca; ANPI Sardegna, Prof. Francesco Pranteddu- dott. paolo Bullita; LILA Cagliari, Presidente Brunella Mocci; CGIL Nuovi Diritti, Sandro Gallittu; ARC Sardegna, Carlo Cotza.

Narrazione sulla tematica dell’immigrazione: Rachida kouchrad; Narrazione sulla tematica della discriminazione di genere: Claudia Sarritzu; Comitato L’Italia sono anch’io, Sergio Anrò; Save the Children, Elisa Comparetti e Giuseppe Aymerich.

Durante l’evento, per l’Associazione Euterpe Iniziative Musicali, è intervenuto il Klezmer Ensemble – composto da Clarinetto Mario Gullì, Fisarmonica Raffaele Podda, Violino Diego Deiana e Contrabbasso Andrea Loi – che hanno eseguito celebri musiche tratte dal repertorio popolare ebraico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *