A SEDRIANO (MI), DUE EMOZIONANTI GIORNATE DI CULTURA E SOLIDARIETA' PROMOSSE DAL CIRCOLO SARDO "AMEDEO NAZZARI" DI BAREGGIO

da sinistra: Silvia Scolastico (Assessore alla Cultura del Comune di Sedriano), Alfredo Celeste (sindaco di Sedriano), Simona Atzori, Paolo Pulina, Franco Saddi

di Paolo Pulina

L’amministrazione comunale di Sedriano (centro di 10.000 abitanti in provincia di Milano), che aveva favorito nello scorso ottobre l’allestimento, presso la sala “Mario Costa”, della mostra di vignette satiriche “Fratelli d’Italia – 150° anniversario dell’Unità d’Italia celebrato per immagini”, proposta dall’associazione culturale sarda “Amedeo Nazzari” operante nei vicini comuni di Bareggio-Cornaredo, nei giorni 3 e 4 dicembre ha voluto di nuovo dare fiducia e spazio a una impegnativa manifestazione di cultura e di sensibilizzazione sociale promossa dallo stesso Circolo di sardi, il cui infaticabile presidente Franco Saddi è stato nel frattempo “premiato” ad Abano Terme (quinto Congresso nazionale della FASI, Federazione delle Associazioni Sarde in Italia, 21-23 ottobre) con l’elezione a componente dell’Esecutivo nazionale. Sono state due emozionanti giornate di arte, danza, cultura e solidarietà tenutesi presso l’auditorium comunale della scuola media “Luigi Pirandello”. Nel corso della prima si sono avvicendate: l’ apertura della mostra fotografica-paesaggistica della Sardegna di Alessandro Spiga; lo spettacolo di danza “Me” animato dalle ballerine Simona Atzori (nata senza braccia) e Eloisa Milletti, Mariacristina Paolini, Giusy Sprovieri; la presentazione del recentissimo libro della Atzori intitolato “Cosa ti manca per essere felice?” edito da Mondadori. Nel secondo giorno si è svolto un convegno sul baco da seta (confronto storico fra la produzione serica in Sardegna e in Lombardia)  in memoria e in onore di Francesca Sanna Sulis, eccezionale figura di  imprenditrice sarda del Settecento (1716-1810) attiva nel campo della produzione della seta; a conclusione la “festa delle donazioni”, tradizionale momento – rinnovato per il quindicesimo anno consecutivo – in cui l’associazione sarda di Bareggio-Cornaredo, grazie al contributo volontario dei volenterosissimi soci, dona in beneficenza, ad associazioni e a famiglie disagiate, il ricavato della grande kermesse annuale (gastronomia, spettacoli, cultura) che per 11 giorni estivi vivacizza lo spazio attrezzato per grandi manifestazioni del Comune di Cornaredo. Andiamo quindi con ordine. Il sindaco di Sedriano Alfredo Celeste e il presidente Franco Saddi, dopo aver tagliato simbolicamente il nastro dell’inaugurazione della mostra di Alessandro Spiga, hanno posto in evidenza, di fronte al foltissimo pubblico, l’eccezionalità dello spettacolo di danza “Me” (ideato da Simona Atzori) che lei  e le altre componenti  della compagnia “SimonArteDance Company” stavano per offrire. Quindi la performance di danza: un continuo soprassalto  di emozioni per la mente e il cuore degli spettatori che non hanno potuto trattenersi dall’ “obbligo” di  immedesimarsi con commozione nelle diverse sequenze (gioia; riflessione; determinazione; passione) in cui si articola questo  racconto di sé che una donna speciale come Simona Atzori  riesce a dare attraverso i movimenti della danza. Dopo essere stata protagonista sul palco, Simona lo è stata dietro il tavolo della presidenza. Accanto al sindaco Celeste, a Franco Saddi, al sottoscritto (incaricato di delineare le qualità di forma e di contenuto presenti nell’opera autobiografica di Simona), durante la presentazione del suo libro “Cosa ti manca per essere felice?”.  La novella scrittrice (non più solo ballerina e pittrice) ha maneggiato con sicurezza il microfono, usando il suo piede (-mano). Con la stessa semplicità e tranquillità  ha maneggiato, grazie  alla sua intelligenza maturata e direi forgiata man mano che riusciva a superare ciascuna delle molte e difficili prove che la vita le ha messo di fronte,  i concetti che sorreggono le sue determinazioni dal punto di vista psicologico e dal punto di vista “filosofico” per cui non ha titubanze nel dichiarare a voce e nelle pagine del libro: “Sono felice, smodatamente, spudoratamente felice. Ed è una gioia raccontarla, questa mia felicità”. La seconda intensa giornata “sarda” a Sedriano si è sviluppata con un convegno che ha voluto mettere a confronto l’allevamento del baco da seta in Lombardia e in Sardegna sulla base della rievocazione di una figura simbolo come quella dell’imprenditrice della produzione  serica  Francesca Sanna Sulis, studiata dal giornalista Lucio Spiga (il suo volume, di 240 pagine riccamente illustrate, è stato pubblicato nel 2004 a  Selargius, CA, dalla casa editrice  Workdesign) e approfondita anche in due convegni tenuti a Como e a Pavia (di quest’ultimo, organizzato dal Circolo culturale sardo “Logudoro” e tenuto il 6 marzo 2010 presso l’Aula Foscolo dell’Università degli studi, sono stati pubblicati gli atti a cura di Gesuino Piga e Paolo Pulina in un volume di 64 pagine edito da Nuova Tipografia Popolare  di Pavia). Una copia dei due libri è stata messa a disposizione dei lettori che frequentano la biblioteca comunale di Sedriano. Franco Saddi ha fatto intervenire i rappresentanti istituzionali presenti al tavolo di presidenza del convegno:  Comune di Sedriano (sindaco Alfredo Celeste e Assessore alla Cultura Silvia Scolastico), Comune di Cornaredo (sindaco Luciano Bassani e assessore Corrado D’Urbano), Comune di Quartucciu (Assessore alla Cultura Damiano Paolucci e all’Urbanistica  Roberto Congia; Quartucciu è il Comune nel quale più profonda e incisiva è stata l’attività  della Sanna Sulis), Associazione Onlus “Baco da seta” di Sedriano (presidente Silvio Marco Scalambra; aiuta le persone più deboli e cura ricerche sulla cultura del territorio). Gesuino Piga (presidente del Circolo culturale sardo “Logudoro” di Pavia, cioè dell’altra associazione di sardi emigrati che ha collaborato con quella di Bareggio-Cornaredo per l’organizzazione delle due giornate a Sedriano), coordinatore dei lavori del convegno sul baco da seta, ha fornito un inquadramento storico che ha messo in luce  la situazione della Sardegna fino al secolo, cioè il Settecento,  che ha visto all’opera l’intraprendente imprenditrice sarda. Ha quindi  dato la parola al giornalista e scrittore Lucio Spiga (che ha delineato i termini della biografia e dell’azione innovativa svolta nel campo produttivo, nel settore della  formazione professionale e della lotta all’analfabetismo da Francesca Sanna Sulis, riassumendo quindi i risultati conoscitivi della sua pluriennale ricerca storica su un personaggio prima assolutamente sconosciuto) e alla relatrice Cristina Ravanelli (dell’Associazione Onlus “Baco da seta” di Sedriano), la quale ha  riportato agli uditori il racconto da lei raccolto presso le sue nonne e bisnonne del modo in cui a Sedriano e dintorni si faceva posto, d’inverno,  nel caldo delle mura  domestiche  (i cristiani potevano accontentarsi di ambienti più freddi), ai bachi da seta (“i cavalier”),  autentica “ricchezza” per il sostentamento delle famiglie grazie al prezioso prodotto finale del loro  breve ma affascinante ciclo di vita. A chiusura del convegno il sindaco di Sedriano, con un abile coup de théâtre, ha voluto dare una notizia che ha inorgoglito tutti i sardi presenti, sia  quelli  arrivati appositamente dall’isola per la manifestazione sia quelli stabilmente residenti nel territorio (sempre più ampio) in cui opera il circolo sardo di Bareggio-Cornaredo e, in generale, in Lombardia (tra questi anche i dirigenti nazionali della FASI Antonello Argiolas, di Magenta, vice-presidente vicario e coordinatore della circoscrizione dei circoli della Lombardia, e Filippo Soggiu, presidente emerito, di Pavia): una delle cinque “rotonde” che saranno inaugurate prossimamente porterà il nome di Francesca Sanna Sulis. Prontamente Franco Saddi ha assicurato che il circolo da lui presieduto si occuperà di tenerla nel miglior ordine. Ma le emozioni non erano ancora finite. Quest’anno, come negli anni precedenti, non poteva certo mancare la commozione nei momenti in cui il presidente Saddi comunicava la motivazione della consegna di un aiuto in denaro a persone in difficoltà o a r
appresentanti di famiglie colpite da terribili lutti o ad associazioni che cercano di attenuare il disagio sociale. Questa volta però la commozione ha toccato il picco di intensità quando è stata annunciata la donazione di un assegno, che potrà essere ritirato al compimento della maggiore età, al piccolo Francesco Usai, figlio del sardo eroe civile Sandro Usai, che ha perduto la vita durante la recente alluvione a Monterosso dopo aver messo in salvo molti suoi concittadini. Francesco, accompagnato dallo zio Amedeo e dalla sua signora,  ha detto una parola (“grazie”) e un numero (quello, altissimo, delle persone salvate dall’estremo sacrificio di papà Sandro). A Francesco anche noi diciamo, col cuore, una sola parola: coraggio!

Una risposta a “A SEDRIANO (MI), DUE EMOZIONANTI GIORNATE DI CULTURA E SOLIDARIETA' PROMOSSE DAL CIRCOLO SARDO "AMEDEO NAZZARI" DI BAREGGIO”

  1. Simona Atzori: quando si dice “una bella persona” Solare, emozionante, ricca d’amore per la vita, simpatica, semplice. Talentuosa, pittrice completa, danzatrice, scrittrice … potrei usare molti altri aggettivi per descriverla ma non bastano gli aggettivi per descrivere l’emozione che ho provato assistendo al suo spettacolo.
    La Mostra Fotografica di ALESSADRO SPIGA semplicemente “MERAVIGLIOSA”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *