VITTORIO DE SETA LEGA IL SUO NOME ALLA SARDEGNA PER LA REGIA DI "BANDITI A ORGOSOLO"

un fotogramma del film

di Cristoforo Puddu

Vittorio De Seta, che ha legato indissolubilmente il proprio nome alla Sardegna per aver diretto nel 1961 il film Banditi a Orgosolo, è scomparso il 28 novembre a Sellia Marina (Catanzaro).

Vittorio De Seta, appartenente ad una famiglia aristocratica, era nato a Palermo il 15 ottobre 1923 e dopo aver frequentato architettura a Roma intraprende l’attività cinematografica: aiuto regista di Mario Chiari (Amori di mezzo secolo, 1953) e di Jean-Paul Le Chanois (Vacanze d’amore, 1954); sceneggiatore e documentarista. E proprio con i documentari dedicati alla Sicilia e alla Sardegna s’impone all’attenzione generale e della critica che lo premia al Festival di Cannes del 1955 per Isola di fuoco. Nei brevi documentari tratta della vita e lavoro del proletariato meridionale, del quotidiano di pescatori, minatori, contadini, pastori (Pastori di Orgosolo e Un giorno in Barbagia, 1958). Banditi a Orgosolo, sceneggiato in collaborazione con la moglie Vera Gherarducci,  rappresenta per De Seta il debutto nel grande cinema con un lungometraggio “che arricchisce di una sensibilità più moderna e consapevole la lezione del neorealismo”. Il film, interpretato dagli attori non professionisti Michele Cossu, Peppeddu Cuccu e Vittorina Pisano, presentato al 26° Festival di Venezia consegue il premio di Migliore Opera Prima (1961) e il Nastro Azzurro (1962) alla migliore fotografia del SNGCI. Di tutto rispetto, per quegli anni, anche il successo ed incasso rappresentato  dalle proiezioni nelle sale. La lunga carriera di De Seta si è sviluppata nel realizzo di numerosi documentari, lavori televisivi e film: l’ultimo lungometraggio, titolato Lettere dal Shara e girato nel 2006, rappresenta l’attualissimo tema della condizione umana e sociale di un emigrato africano in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *