IL REGISTA EMANUELE DE VINCENTI GIRA UN FILM SUL LEGGENDARIO SAMUELE STOCHINO: "SU BANDIDU ARZANESU"

Samuele Stochino

di Cristoforo Puddu

Sta per concretizzarsi in film la sceneggiatura “Su bandidu arzanesu” del regista romano Emanuele De Vincenti. L’opera, finalista del Premio Franco Solinas  edizione 2010-2011, ricostruisce le vicende e la latitanza del bandito Samuele Stochino (1895-1928). L’arzanese -noto come la “tigre dell’Ogliastra” per l’incredibile numero di vendette consumate e per la fama d’imprendibilità, nonostante l’elevata taglia spiccata dallo stesso Mussolini- era stato un precoce eroe nella guerra in Libia (per essere arruolato aveva falsificato i propri dati anagrafici) e sottufficiale decorato della Brigata Sassari nella Grande Guerra. Morì in latitanza il 20 febbraio 1928, quasi certamente per polmonite, ma continuò a vivere nell’immaginario popolare grazie  alle sue “gesta” tramandate dall’oralità e dalla lunga cantone in otavas dedicatagli dal poeta Pittanu Moretti. La pellicola, di grande interesse per lo scavo di motivazioni storiche e sociali sulla Sardegna degli Anni ’20 – ’30, ha ricevuto il sostegno di numerosi comuni dell’Ogliastra e dell’area interna dell’Isola. Le location naturali del Gennargentu e del Supramonte  -con Su Gorroppu, Preda Liana, Su Gologone, il sito nuragico di Tiscali, numerose chiesette campestri del nuorese e l’incantevole scenario della Giara di Gesturi– saranno le principali aree in cui si girerà il film, tra l’altro, con frequenti dialoghi in limba. Emanuele De Vincenti, nato nel 1975, è affermato autore di video-appunti realizzati nel sud del mondo e attivo collaboratore della rubrica Fuori Orario di Rai Tre. Per La7 ha realizzato un significativo documentario sulla globalizzazione in India e Cina. Autore di diverse sceneggiature, lavora costantemente per cinema-tv e ha partecipato a importanti mostre e festival (48ma Biennale Arti Visive di Venezia, la Biennale dei giovani artisti dell’Europa e del Mediterraneo, il Torino Film Festival e lo Short Film Festival di Dresda).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *