LA DESTINAZIONE FINALE DELLA MOSTRA "FRATELLI D'ITALIA" DELLA F.A.S.I.: A BURGOS L'ESPOSIZIONE PERMANENTE AL MUSEO DELLA SATIRA

suggestiva immagine dell'abitato di Burgos con il suo castello sullo sfondo
suggestiva immagine dell'abitato di Burgos con il suo castello sullo sfondo

di Cristoforo Puddu

L’itinerante mostra “Fratelli d’Italia”, promossa dalla FASI (Federazione Associazioni Sarde in Italia) con il sostegno e patrocinio di istituzioni regionali, provinciali e comunali per celebrare il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, sta registrando un trionfale tour con continue richieste espositive in sedi nazionali ed internazionali.  L’evento celebrativo, per immagini dal caratterizzante tratto umoristico, ironico, satirico e selezionate tra ben 1190 opere partecipanti, avrà come destinazione finale il paese goceanino di Burgos (SS); infatti la FASI ha destinato i lavori del “Concorso Internazionale di Illustrazione, Grafica e Satira” al Museo della Satira di Burgos, che predisporrà per una mostra permanente. Il centro, di chiara origine giudicale e teatro di tante lotte, è dominato dalle rovine del Castello di Burgos. L’importante struttura fu fatta edificare da Gonario II di Torres (un primo basamento di castello era stato realizzato sulla punta Sa Pattada di Illorai e successivamente considerato strategicamente e militarmente non attuabile perché l’alta cima in territorio illoraese risulta visibile dal mare di Cabras) ed è storicamente legata alle vicende di Adelasia, del marito Enzo, figlio di Federico II, e di Michele Zanche, ricordato da Dante come barattiere (Inf. C. XXII – v. 76/96). Burgos ha già una interessante attività museale che si avvale del sostegno della cooperativa giovanile locale “Sa Reggia”, che oltre al significativo impegno gestionale del Museo dei Cento Castelli e dello stesso Castello di Burgos, opera per la valorizzazione complessiva del territorio Goceano attraverso la promozione delle molteplici risorse di carattere naturalistico, archeologico ed offerte turistiche alternative con escursioni, trekking e ristorazione nel segno dell’agriturismo. Il Museo dei Cento Castelli, realizzato in una casa padronale ottocentesca del centro storico, è un “museo storico-descrittivo” che raccoglie e documenta le diverse fasi della storia sarda, con particolare attenzione alle vicende territoriali dell’area goceanina e al periodo giudicale: una suggestiva riproduzione plastica propone la maestosa ed originaria struttura del castello di Burgos.                                                

Una risposta a “LA DESTINAZIONE FINALE DELLA MOSTRA "FRATELLI D'ITALIA" DELLA F.A.S.I.: A BURGOS L'ESPOSIZIONE PERMANENTE AL MUSEO DELLA SATIRA”

  1. Buon giorno, Gentili Signori, mi chiamo Benito Alberto Ruiu, figlio di Luigi Pasquale nato a Burgos e sto cercando di mettermi in contato con i miei pareti della famiglia Ruiu Ghironi e Ares. Non so se sarà possibile, comunque vi ringrazio per l’attenzione. Ossequi. Benito Alberto Ruiu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *