LA "FLOTTA SARDA" VA AVANTI: LE NAVI "SCINTU" E "DIMONIOS" DOVEVANO TERMINARE LE LORO CORSE IL 15 SETTEMBRE


ricerca redazionale

“Con la flotta sarda prosegue la nostra azione per garantire il diritto alla circolazione dei sardi e porre fine all’isolamento della nostra terra”. Così il presidente della Regione, Ugo Cappellacci, annuncia il via libera del Consiglio di amministrazione della Saremar al proseguimento dell’operazione “flotta sarda”, in esecuzione dell’indirizzo dato dalla Giunta regionale. I collegamenti marittimi tra la Sardegna e la penisola, con le due navi noleggiate per conto della compagnia di navigazione controllata dalla Regione, erano inizialmente previsti, infatti, solo per il periodo estivo, sino al 15 settembre. “Andiamo avanti – aggiunge Cappellacci – in quella che non è solo un’iniziativa di legittima difesa dai comportamenti dei “feudatari del mare”, ma è una politica volta a perseguire una compiuta continuità territoriale da e per la Sardegna. Le iniziative per i collegamenti marittimi – spiega il presidente – si sommano, infatti, a quelle per la continuità territoriale aerea, sulla quale vogliamo riprodurre con stabilità la filosofia, gli standard qualitativi elevati e la promozione dei nostri prodotti e delle nostra identità che hanno caratterizzato ‘Dimonios’ e ‘Scintu’. L’insieme di queste azioni contribuirà a realizzare un ponte aereo e navale per collegare la Sardegna con il Continente.

 

Una risposta a “LA "FLOTTA SARDA" VA AVANTI: LE NAVI "SCINTU" E "DIMONIOS" DOVEVANO TERMINARE LE LORO CORSE IL 15 SETTEMBRE”

  1. Bravissimi…era ora che la ns. regione facesse qualcosa di azzardato per l’economia della ns. terra. Dobbiamo imparare a non avere sempre la pappa pronta perchè questo comporta il rischio di essere scavalcati da altri imprenditori non sardi che rischiano il tutto per tutto…infatti la ns. isola ormai è di loro proprietà e noi sardi la finiremo come in una riserva indiana. Complimenti vivissimi per il coraggio che state mostrando: i sardi vi ringrazieranno. Continuate così

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *