ANTONI PAZZOLA CANTADORE DI SENNORI: UNA VOCE MELODIOSA DELLA POESIA A BOLU

Cristoforo Puddu e Antonio Pazzola a Sennori nel 2000 in occasione del "Premio Romangia"
Cristoforo Puddu e Antonio Pazzola a Sennori nel 2000 in occasione del "Premio Romangia"

di Cristoforo Puddu

I  poeti estemporanei della terza generazione, seguendo le orme de sos mazores Antoni Cubeddu (ideatore della storica gara ufficiale in Piazza Cantareddu, a Ozieri, il 15 settembre 1896) e Gavinu Contene, ci hanno accompagnato con memorabili disputas in otada per tutta la seconda metà del “secolo breve” e i primi anni del “nuovo millennio”. Le classi di cantadores nati tra gli anni ’20 – ’30, a cui hanno fatto da collante generazionale e formativo i più anziani Remundu Piras, Peppe Sozu e Barore Budrone, rispondono ai nomi di Bernardu Zizi (Onifai, 1928), Antoni Pazzola (Sennori, 1929), Franziscu Sale (Mara, 1932), Franziscu Mura (Silanus, 1933) e Marieddu Masala (Silanus, 1935).

Credo di aver scoperto e avuto “l’iniziazione” alla poesia attraverso le immancabili gare d’improvvisazione in limba che, durante la mia infanzia a Illorai, animavano le serate di festa in onore di Santu Nicolau de Tolentinu e per il patrono Santu Gavinu. Seguivo le disputas in compagnia di mio padre e di nonno Puddu (poeta a taulinu, noto a livello locale per le frequenti composizioni satiriche e d’occasione) in una piazza municipale gremita all’inverosimile di appassionati e competenti; i cultori della rima provenivano, oltre che dai diversi centri goceanini, anche dal Logudoro, Marghine e Nuorese. Ricordo, confusamente e lontano, un “acceso” scambio poetico tra l’illoraese Zuannantoni Carta e Barore Sassu (quest’ultimo, al culmine dell’irritazione, arrivò a rivendicare un intervento risolutore della “forza pubblica sul palco”) ma soprattutto la chiara voce melodiosa del “mio” cantadore Antoni Pazzola che, proprio in quegli anni ’60, iniziava a furoreggiare anche nelle registrazioni in vinile, di garas e modas, con Zizi e Masala. I dischi del trio Zizi-Masala-Pazzola, forse edizioni Tirsu(?), erano ambiti dai nostri emigrati che ne facevano preziosa incetta, come con i prodotti tipici e della tradizione, per rinverdire la memoria di consolatorie gare “a lughe de luna” nelle città del disterru europeo, americano e della lontana Oceania.

Antoni Pazzola nasce il 5 giugno del 1929 a Sénnaru, paese della Romangia dalle grandi tradizioni poetiche in logudorese; la madre stessa è una straordinaria atitadora di fama. Il debutto sul palco è proprio nel suo paese natale: il 22 luglio 1950 in occasione della festa di Santu Luisi e in compagnia dei già affermati cantadores Barore Budrone (Bonnanaro, 1905-2004) e Zuanne Seu (Chiaramonti, 1915-2000). Diviene ben presto -grazie alla voce piacevole, al “verso rimato e misurato” e al caratteristico coinvolgimento del tenorea donzi joba ‘e versos”- una richiesta presenza in tutte le piazze sarde, dove si esibisce principalmente con Zizi, Masala, Piredda e Seu. La fama delle dispute sarde, sempre di qualità e carattere, proiettano Pazzola verso i palchi allestiti  dall’emigrazione isolana; colleziona tantissime memorabili gare per i nostri conterranei nel mondo e una proficua trasferta anche in Australia. A Sennori, dove ha svolto un’apprezzata attività politica (consigliere e assessore) e culturale (componente di giuria del premio “Romangia”, fondato da Tonino Rubattu, e sostenitore delle arti figurative), ha festeggiato pubblicamente, nel dicembre del 2000, i cinquant’anni di attività poetica sui palchi e da alcuni anni a rinunciato alle gare ufficiali.  Il fascino per garas e poetes  conserva vivo interesse e resiste principalmente, con l’unicità di un inestimabile patrimonio culturale, nell’area centrale della Sardegna.

                                                                   

2 risposte a “ANTONI PAZZOLA CANTADORE DI SENNORI: UNA VOCE MELODIOSA DELLA POESIA A BOLU”

  1. eccodi sennori como ada chumbenenre
    a presentare su tou bellu programa
    menzus onore non si pode tennere
    a essere de tziu pazzola patria e mama
    chinsistia chun onore e tanta brama
    in su plchu sa parte a la sustennere
    pro cantu dura mundu dura fama
    in su tempus chi este ancora a bennere
    cando de sardigna in d`ogni via
    de perdere sa oghe si este isparta
    a seminadu dolu luttu e farta
    pro sos amantes de sa poesia
    tue sennori cun tanta simpatia
    lu podes giamare a boghe altu
    chi ses de Tziu pazzola paesano
    bona fortuna e astringhimus sa manu.
    Giovanni Urracci Svizzera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *