LE INIZIATIVE CULTURALI DEI CIRCOLI SARDI DI MADRID E BARCELLONA: LA PROMOZIONE DEL LIBRO "IL FUTURO SOSPESO" DI OTTAVIO OLITA


ricerca redazionale

Gianni Garbati, presidente del circolo dei sardi di Madrid, sta attuando un progetto di diffusione della cultura contemporanea sarda del tutto originale. Ed ha immediatamente coinvolto nel percorso anche l’attivissimo presidente del circolo dei sardi di Barcellona, Raffaele Melis

Garbati è partito da una considerazione. In Sardegna, negli ultimi anni, si sta realizzando una produzione letteraria attenta alle realtà contemporanee, con nuovi autori che continuano a mantenere forte il legame con la storia e con le radici culturali più profonde e significative. Perché non favorire l’incontro diretto tra lettori e

nuovi autori? Così, grazie anche all’immediata disponibilità ottenuta dai docenti della scuola italiana di Madrid a seguirlo nell’attuazione del programma, ha fatto in modo che gli studenti delle ultime classi incontrassero alcuni di questi autori. Nell’aprile scorso è stata la volta del giornalista della Rai Ottavio Olita che ha presentato il suo ultimo libro, il romanzo “Il futuro sospeso”. Il protagonista, Antonio Maglietta, racconta come la sua vita cambi dal momento in cui scopre di essere stato colpito da un tumore, di come si blocchi la sua esistenza, del ruolo fondamentale svolto dalla famiglia, dai figli, dagli amici, dal legame con la sua terra e la sua città, Cagliari, nel combattere il male; e descrive anche la forza e la determinazione che ricava dalla scoperta dell’esperienza vissuta dai suoi genitori che negli anni ’30 del ’900 affrontarono da pionieri una vicenda di emigrazione, dalla Basilicata alla Sardegna, per combattere la fame e la povertà. Non solo l’incontro con gli studenti. Gianni Garbati ha poi organizzato la presentazione nella libreria italiana di Madrid. Oltre all’autore era presente anche l’attore Marco Spiga che ha dato un contributo importante con la lettura palpitante di alcune pagine scelte da lui stesso. Il giorno dopo Olita e Spiga sono stati ospitati nel circolo di Barcellona per iniziativa di Raffaele Melis il quale ha poi riservato una grande sorpresa ai suoi ospiti. Nei due giorni successivi li ha accompagnati in Navarra dove ha fatto scoprire loro una delle antiche capitali di quella regione, capitale che oggi è un villaggio abitato da poche migliaia di persone, ma che ha la particolarità di chiamarsi Olite. E in Navarra Raffaele Melis ha fatto da guida anche nell’indicare quante similitudini ci sono con le tradizioni pastorali del centro Sardegna, in particolare con i fuochi di sant’Antonio e le maschere del carnevale barbaricino. Gianni Garbati e Raffaele Melis praticano, con le loro scelte, un vero interscambio culturale indicativo di un nuovo modo di intendere l’attività dei circoli all’estero, in cui si ritagliano il delicato ruolo di ambasciatori della cultura sarda nel mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *