CHIUSURA DI UN CICLO PRIMA DEL PROSSIMO CONGRESSO F.A.S.I.: ULTIMO INCONTRO DEGLI EMIGRATI SARDI IN LOMBARDIA

Antonello Argiolas, coordinatore uscente della Circoscrizione che riunisce i circoli degli emigrati sardi della Lombardia
Antonello Argiolas, coordinatore uscente della Circoscrizione che riunisce i circoli degli emigrati sardi della Lombardia

di Massimiliano Perlato

 

Si chiude il sipario sulle attività dei circoli degli emigrati sardi della circoscrizione Lombardia. Si è trattato anche per il coordinatore Antonello Argiolas, dell’ultimo atto del suo mandato, che con il periodo di settembre-ottobre vedrà l’elezione prima di un nuovo responsabile e poi con il Congresso F.A.S.I. di un nuovo esecutivo a livello nazionale. Così l’incontro di Cinisello Balsamo è stato un momento d’incontro prima delle vacanze estive anche per ripercorrere un tragitto di iniziative e manifestazioni promosse in questi anni per la valorizzazione della Sardegna. E’ stato lo stesso Argiolas a menzionare quanto fatto negli ultimi anni in Lombardia: le “Sa die de sa Sardigna”, appuntamento clou annuale che di volta in volta si è proposta in città dove è presente un circolo degli emigrati. Ma non solo: le battaglie per il diritto alla mobilità per la continuità territoriale aerea prima e contro il caro traghetto poi. La questione trasporti è il problema più sentito che coinvolge fortemente gli emigrati sardi. E’ emerso dall’incontro che il desiderio di proseguire nel cammino del volontariato è sempre molto vigoroso tanto quanto l’ambizione di mantenere in vita le associazioni. E per far si che questo avvenga, diventa determinante cercare di includere nei quadri dirigenziali i giovani. E su questa tematica, è notevole anche l’input dell’assessorato al Lavoro della Regione Sardegna, che esige che le Federazioni dei circoli sardi dipanino risorse e attività per l’inserimento delle nuove generazioni. Ne è la testimonianza il recente Meeting che si è svolto in Sardegna che ha coinvolto giovani discendenti di emigrati da tutto il mondo. Già fissato per il prossimo 18 settembre, la ripresa dell’attività per la circoscrizione Lombardia, dove nell’occasione, verrà eletto il nuovo coordinatore e prenderanno il via i lavori in preparazione del Congresso di fine ottobre ad Abano Terme, come la preparazione e la discussione delle tesi e l’eventuale candidatura “lombarda” per l’entrata nel nuovo esecutivo F.A.S.I.. Nell’ultimo incontro fra i venti presidenti dei circoli della Lombardia si è parlato anche dell’annoso problema delle risorse che mancano e tardano ad arrivare da parte della Regione Sardegna e del sempre più complicato dialogo fra i circoli e gli artisti sardi chiamati ad esibirsi lontano dall’isola. Sisinnia Bua, presidente del Maria Carta di Bergamo ha evidenziato come non ci sia da parte degli artisti più affermati, un occhio di riguardo nei confronti di coloro che fuori dalla Sardegna si prodigano per averli nelle loro manifestazione, causa il sempre più esorbitante cachet che richiedono.

Una risposta a “CHIUSURA DI UN CICLO PRIMA DEL PROSSIMO CONGRESSO F.A.S.I.: ULTIMO INCONTRO DEGLI EMIGRATI SARDI IN LOMBARDIA”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *