RETROGUSTO SARDO NEL VINO CINESE DI PENGLAI: I DOCENTI SASSARESI FORMERANNO ENOLOGI DI SHANTONG

immagine di Shantong
immagine di Shantong

ricerca redazionale

Avrà un retrogusto sardo nel vino di Penglai, popolosa città cinese della vastissima zona di Shandong. La facoltà di Agraria e gli accademici del Wine College di Penglai hanno firmato un importante protocollo d’intesa grazie al quale l’Università di Sassari formerà enologi, sommelier e altri operatori destinati alle attività viticolo enologiche del comprensorio cinese. L’accordo è stato siglato nelle sale del rettorato, alla presenza di una delegazione cinese, composta da Wang Yan, presidente dell’Associazione Sardegna Cina; di Guo Yingchang, preside del Wine College di Penglai, Yang Min, vice preside del Wine College di Penglai. Per l’Università di Sassari hanno partecipato il rettore Attilio Mastino: il preside di Agraria, Pietro Luciano; Giuseppe Pulina, direttore del dipartimento di Scienze Zootecniche; Salvatore Deiana, presidente del corso di laurea oristanese in Tecnologie viticole; Antonio Brichetto, segretario dell’«Associazione Sardegna Cina». Entusiasti e proiettati verso il futuro i commenti dei firmatari del documento. «La firma di questo protocollo di intesa con l’Università di Penglai – ha detto Attilio Mastino – è un’altra tappa del nostro ateneo verso l’internazionalizzazione. Siamo pronti a impegnarci e finanziare attività di scambio con la Cina. La nostra Università è da poco diventata socia dell’associazione Uni-Italia, presieduta da Cesare Romiti, e di cui fa parte anche il ministero degli Esteri, che ha come obiettivo quello di incrementare qualitativamente e quantitativamente la presenza di studenti cinesi negli atenei italiani». «Il protocollo d’intesa – è entrato nel merito il preside Luciano – prevede la costituzione di un percorso di studi comune tra la nostra facoltà e il Wine college di Penglai. Lo scopo della collaborazione è quello di fare in modo che la cultura del vino italiana, e sarda in particolare, entri in Cina». «Siamo rimasti affascinati dalle bellezze naturali e agricole della vostra isola – ha detto Guo Yingchang, preside del Wine College di Penglai – e siamo molto interessati ad apprendere la cultura della coltivazione dell’uva e i processi di produzione del vino in Sardegna». Per Giuseppe Pulina, direttore del dipartimento di Scienze zootecniche e organizzatore della visita in Sardegna della delegazione cinese, «questo incontro è una importante occasione per l’esportazione dei prodotti sardi in Cina e apre prospettive di sviluppo per la nostra imprenditoria vitivinicola e alimentare». La delegazione cinese è stata ospite dell’Università di Sassari per qualche giorno la scorsa settimana e ha concluso la sua visita in Sardegna a Calangianus, nel comprensorio della produzione del tappo di sughero.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *