IL PARCO CULTURALE "GRAZIA DELEDDA" A GALTELLI'

Grazia Deledda
Grazia Deledda

di Cristoforo Puddu

Il chiaro aspetto di comunanza linguistica e unitarietà italiana, senza retorica celebrativa, ben lo rappresentano i Parchi Letterari – “spazi fisici o mentali” ideati, nei primi anni Novanta, da Stanislao Nievo –  disseminati nei vari luoghi d’Italia che hanno ispirato dei capolavori della letteratura. Nei Parchi si accomuna l’esigenza della valorizzazione delle economie locali, attraverso storia, tradizioni, sapori e natura, a quella di preservare la creatività letteraria prodotta dal genio e sensibilità umana. In sintonia con le Convenzioni Unesco, i Parchi Letterari sono  attuati con l’obiettivo di salvaguardare il patrimonio di memoria e tutte le espressioni di diversità culturale che danno unicità ai vari territori. Il Parco ideale da dedicare a Grazia Deledda non poteva che essere realizzato a Galtellì, luogo privilegiato nel romanzo “Canne al vento” e tappa essenziale nella ricerca letteraria ed umana della Nobel nuorese. Lo stesso Nievo, in occasione del sopralluogo effettuato nel luglio del 1993 a Galtellì, afferma infervorato che “qui il parco è già pronto ed è meraviglioso: basta guardarsi intorno. Questa montagna è incantata, queste testimonianze del passato che la Deledda ha immortalato sono di grande suggestione.” A Galtellì rivivono le esperienze visive ed emozionali dell’autrice sarda. La narrazione e le descrizioni deleddiane sembrano tutt’uno con il magico territorio dell’ispirazione che le ha determinate ed il centro storico conserva le suggestive tracce di un glorioso passato e l’immutata atmosfera arcaica conosciuta dalla scrittrice nuorese nei suoi soggiorni. L’opera “Canne al vento”, il cui titolo allude alla fragilità umana e alle sofferenze dell’esistenza, è ambientato a Galte e narra le vicende del servo Efix e delle sorelle Pintor; apparve inizialmente a puntate sull’Illustrazione Italiana (tra il 12 gennaio e il 27 aprile del 1913) e successivamente pubblicato in volume per l’editore Treves di Milano. I Parchi Letterari, concepiti da Stanislao Nievo (Milano, 30 giugno 1928 – Roma, 13 luglio 2006), sono “un modo nuovo di fare economia promuovendo il paesaggio culturale dell’Italia” con autenticità creativa ed attingendo alle pagini immortali della letteratura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *