BACKSTAGE DI PAOLO MEDAS: LA MOSTRA FOTOGRAFICA ALLO "SPAZIO (IN)VISIBILE" A CAGLIARI DAL 15 APRILE AL 7 MAGGIO


di Antonio Falda

BACKSTAGE di PAOLO MEDAS

MOSTRA FOTOGRAFICA –  SPAZIO (IN)VISIBILE

VIA BARCELLONA 75 CAGLIARI

15 APRILE – 7 MAGGIO 2011

 

            Paolo racconta storie per immagini. Una di queste  storie ne racchiude tante ed è quella che descrive quanto è accaduto presso la galleria d’arte (IN)visibile in via Barcellona a Cagliari, nell’arco di due anni tra marzo 2009 e febbraio 2011.

Racconta le opere che hanno animato le esposizioni, gli artisti che si sono succeduti  e che rappresentano alcuni momenti dell’attività della galleria, tra i quali Gildo Atzori, Lea Gramsdorff, Marilena Pitturru, La Casa d’Arte Falconieri, Alessandro Vizzini, Reiner Bollman, Giampaolo Cossu, Marco Nateri, Marta Anatra, Lalla Lussu e tanti altri.

La galleria di Thomas Lehner dal 15 aprile e sino al 7 maggio si appresta ad ospitare la mostra fotografica Backstage di Paolo Medas,  fotografo ufficiale dello Spazio (IN)visibile che con la sua inseparabile reflex ha fissato istanti, particolari, suggestive atmosfere, all’interno di quel contenitore sempre in fermento che è la piccola galleria di via Barcellona.

           

Quando è iniziata la tua avventura con la fotografia?

Mio padre mi regalò una Kodak Instamatic quando avevo dodici o tredici anni … non ho più smesso di fare fotografie…

Cosa significa per te fermare il tempo con uno scatto?

Cercare di ricomporre il mosaico della mia visione della realtà.

Quale emozione catturi con maggiore coinvolgimento, il dramma o la gioia?

Cerco sempre di non farmi coinvolgere dal contesto ma l’emozione può nascere da qualunque situazione ed è bellissimo riuscire a trasmetterla o scoprirla attraverso una immagine. 

Oggi internet e la televisione sono dominanti, qual’è il ruolo della fotografia?

La fotografia può rappresentare un elemento di riflessione e di sintesi in un mondo dominato dalla frenesia e dalla superficialità. 

Perché hai scelto queste particolari immagini per raccontare il percorso di due anni della galleria?

Ho cercato di raccogliere elementi  che potessero esprimere  la varietà delle mie  esperienze vissute all’Invisibile a prescindere dai nomi degli artisti o  dalle opere esposte.

Cosa significa fare fotografia  all’interno di una galleria d’arte ?

L’attività di fotografo presso la galleria d’arte mi ha permesso di conoscere ed apprezzare tantissime persone che operano in campo artistico e culturale nella zona di Cagliari, persone con cui, in qualche caso, ho stretto rapporti di amicizia e collaborazione. Credo sia questo l’elemento che caratterizza maggiormente l’attività della galleria, la possibilità di confrontare le proprie esperienze, di sperimentare ed imparare.   

Quanto contano i mezzi, la tecnologia e quanto l’estro e la fantasia per eseguire una bella foto?

La tecnologia e la preparazione tecnica sono indispensabili per ottenere dei buoni risultati a livello professionale, ma saper cogliere l’attimo fuggente è un dono di natura … altrimenti saremmo tutti Cartier – Bresson!

A volte occorre anche un pò di fortuna?

Sempre!

Quale immagine desidereresti scattare?

Mi sarebbe piaciuto fotografare il matrimonio dei miei genitori.

Dove va la fotografia ?

Se fosse una nave io sarei l’ultimo dei marinai …

E Paolo, tu, verso dove sei diretto?

Non lo so. Cerco di seguire la mia curiosità ed il mio spirito d’avventura …

 

 

Paolo Medas

 

backstage

 

Vernissage: venerdì 15  aprile  2011 – ore 18,00

 

Dal 15 aprile al 7 maggio 2011 

giovedì – venerdì – sabato 

ore  19.00 –  21.00. 

 

presso lo spazio 

(in)visibile 

Cagliari – via Barcellona 75

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *