IL "SU NURAGHE FILM 2011" DEL CIRCOLO SARDO DI BIELLA: PRESTIGIOSA COLLABORAZIONE CON I.S.R.E.


di Battista Saiu

La rassegna Su Nuraghe Film 2011 si avvale della collaborazione dell’I.S.R.E., l’Istituto Superiore Regionale Etnografico della Regione Autonoma della Sardegna che ha fornito otto filmati provenienti dalla cineteca e dagli archivi di antropologia visuale, del “Museo regionale della Vita e delle Tradizioni popolari sarde” di Nuoro. I filmati messi a disposizione del Circolo Culturale Sardo Su Nuraghe di Biella arrivano da questi fondi e sono frutto di studi e ricerche costanti: un importante patrimonio museale che, varcando i confini dell’Isola, viene proposto ad un pubblico più vasto attraverso i Sardi di “su disterru” per conoscere ed amare la Sardegna attraverso il film d’autore. Le opere sono state inserite all’interno del nono e del decimo ciclo delle lezioni di cinema proposte da Su Nuraghe, tenute da soci di seconda e di terza generazione, giovani conterranei nati fuori dall’Isola. Le prime quattro opere: “Brokkarios, “Dopo trent’anni prima”,  “MurraSarda” e  “I giorni di Lollove” sono state inserite in rassegna nella prima parte dell’anno, mentre le altre faranno parte della programmazione autunno-inverno 2011. Inoltre, in anteprima, venerdì 18 marzo, verrà presentato il documentario “Baraggia, l’ultima savana”, del regista cagliaritano Davide Mocci, prossimamente in onda su Raitre all’interno del programma GEO “Viaggio nel pianeta terra”. L’opera, interamente girata nel Biellese attraverso una campagna di riprese cinamatografiche durata due anni, è stata inserita all’interno delle manifestazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, a significare il reciproco scambio culturale e di studio tra due terre dello stesso antico regno sardo, scambio intensificato negli ultimi tre secoli. Infatti, da 291 anni, il Piemonte – già possedimento di Terraferma di SM il Re di Sardegna – ha rafforzato rapporti vicendevoli con la nostra Isola. Molto note sono le oltre cinquanta opere scientifiche del biellese Alberto Ferrero della Marmora riguardanti la Sardegna; oggi, nel tempo presente, in modo speculare, i frutti della ricerca naturalistica di Davide Mocci sono un emblematico esempio di reciprocità e di continuità di rapporti. Anche per questo, la proiezione del documentario Baraggia, l’ultima savana” si terrà a Biella a Palazzo Ferrero, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della Città di Biella; nuova tessera inserita nel progetto “Biellesi tessitori di Unità”. Infine, sono stati inseriti in cartellone due filmati autoprodotti, entrambi opera di Guido Re; riguardano momenti significativi della vita associativa e delle proposte culturali di Su Nuraghe: “Il Gelindo dei Sardi di Biella” e “Sa Die a Nuraghe Chervu”, rispettivamente inseriti in calendario: giovedì 3 febbraio e sabato 30 aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *