LA PARTECIPAZIONE DEL GRUPPO STORICO MEDIOEVALE GHIBELLINA DI IGLESIAS AL PALIO DELLE CONTRADE A TRENTO (CON VISITA AL CIRCOLO SARDO "DESSI'")

il gruppo medioevale Ghibellina di Iglesias a Trento
il gruppo medioevale Ghibellina di Iglesias a Trento

ci riferisce Massimo Carta

Il Gruppo Storico Medievale Ghibellina di Iglesias è stato ospite della Decima Edizione del Palio delle Contrade della Città di Trento. Il Gruppo Iglesiente è stato accolto con la solita e affettuosa accoglienza da parte delle Autorità Comunali, Provinciali e dal Priore delle Contrade Stefano Grassi. Sono stati tre giorni ricchi di emozioni che hanno cementato ulteriormente l’amicizia e il gemellaggio culturale fra le due Città. Il clima bello e solare ha accompagnato i due eleganti Corteggi in cui il Gruppo è stato protagonista assieme alle altre Città. Applauditi in particolare gli sbandieratori delle Aquile Ghibelline che hanno fatto volteggiare i drappi arancioni nelle strade storiche del centro trentino con due ali di folla che quasi abbracciavano i partecipanti. Poi l’apoteosi nella Piazza del Duomo bella come non mai illuminata da un cielo azzurrissimo. Sono stati giorni di cultura ma anche di sfida e finalmente la Città di Iglesias rappresentata dai Saggittarii Vagantes ha vinto il titolo di tiro con l’arco nel Torneo delle 5 Città, battendo anche la Contrada vincitrice del Palio di Trento 2009. Un autentico evento perché conteso contro Città come Padova, la Val di Non e la Città di Taio che sono fucina di arcieri bravi e capaci. Per il Gruppo Ghibellina è il quinto anno consecutivo che Trento li chiama. Una esperienza di spessore umano e culturale che lega profondamente le due realtà. Una visita è stata fatta anche al Circolo dei Sardi. Si può immaginare quanto siano stati felici di accogliere i conterranei. Parole di elogio sono state espresse dal Presidente Tommaso Melis verso i figuranti “per la grande disponibilità dimostrata che è sempre una garanzia per la Città di Iglesias che puo’ contare su persone motivate e degne di rappresentarla nella maniera più dignitosa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *