"NURAXI ARRUBIU": UNA BELLISSIMA POESIA DI GUGLIELMO PIRAS PER RICORDARE I "TEMPI NURAGICI"

Nuraxi Arrubiu
Nuraxi Arrubiu

a cura di Vitale Scanu

Una preziosa poesia “nuragica” di Guglielmo Piras illustra in modo impareggiabile quei tempi nuragici.
NURAXI  ARRUBIU
Podessi ponni infattu
contai dogna passu
de totu’ is mannus mius
chi hant lassau arrastus
de storia in dogna mòri
e strantaxiau atrivìdas
turris in s’oru a is bisus…
 
Podessi mai arregolli
sa melodia antiga
de bèntus e araxis
chi ancora oi m’intrigant
su nuscu e is coloris
de seddas e padentis
nidas e arèstis…
 
Podessi mai sciri
su chi hant bistu
montis e arroccas
e su chi hant arregortu
mitzas e arrìus
prima ‘e imprassai su mari…
 
Podessi mai connosci
s’ammaju ‘e cussus xèlus
e su misteriu arcanu
de cussas nottis ‘e ossidiana
chi hant billau pastòris
e gherreris in giriu a is fogus…
 
Podessi chistionai
a custas perdas rujas
testimongias de anninnias
de janas
e cantus de mammas e pipìus
chi ancora oi mi tzerriant
cumbidendumì a sodigai biatzu
in custu dominariu
de luxi e de memoria
po torrai a sa dòmu
aundi se sempri seu nasciu.
Aundi agattai torra
s’arrexiõi e s’acunortu
a custu bivi miu
contras custu tempus
isciàpidu aundi luxit
su nudda, e nudda
tènit prus valori.


 
 
NURAGHE ROSSO
(trad.) Potessi stargli dietro – contare ogni passo – di tutti i miei padri – che hanno lasciato tracce – di storia in ogni sentiero – ed innalzato temerarie – torri al limitare del sogno…// Potessi mai raccogliere – la melodia antica – di venti e brezze – che ancora oggi mi consegnano – il profumo e i colori – di valli e foreste – vergini e selvagge… // Potessi mai sapere – ciò che hanno visto montagne e rocce – e ciò che hanno raccolto – sorgenti e fiumi – prima di abbracciare il mare…// Potessi mai conoscere – la meraviglia di quei cieli – e il mistero arcano – di quelle notti di ossidiana – che hanno vegliato pastori – e guerrieri intorno al fuoco…// Potessi parlare – a queste pietre rosse – testimoni di ninnanne di fate – e canti di madri e di bambini – che ancora oggi mi chiamano – invitandomi a proseguire fiero – in questo bastione di luce e di memoria – per tornare alla casa – dove da sempre sono nato. Dove trovare la ragione – e il conforto a questo mio vivere – contro questo tempo insulso dove luccica il nulla – e nulla ha più valore.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *