SARDEGNA E MINORCA, DUE ISOLE LEGATE DAL MARE E DALLA STORIA: INIZIATIVA CULTURALE DEI CIRCOLI DEGLI EMIGRATI DI MADRID E BARCELLONA


di Gianni Garbati

Il  28 e il 29 luglio si è svolto presso i locali della Fiera Mercato di Gonnosfanadiga  il Convegno di studi dal titolo “Sardenya i Menorca due isole legate dal mare e dalla storia”, nato da un’idea di Raffaele Melis, Presidente dell’Associazione dei Sardi di  Barcellona (originario di Gonnosfanadiga) da sempre attento osservatore delle culture dell’area mediterranea e grazie alla collaborazione della Pro Loco e del suo presidente, Angelo Agabio. La prima giornata ha visto l’inaugurazione della mostra fotografica sui siti archeologici sardi e minorchini (Isole Baleari), per illustrare le tante similitudini tra le costruzioni millenarie presenti nelle due isole, il lavoro fotografico è stato curato da Rosaria Martis, Barbara Onidi, Laura Garau (archeologa dell’Università di Sassari) che hanno fotografato i siti archeologici sardi e Valentina Sulas (sempre dell’Università di Sassari) che ha  curato il lavoro eseguito nella Torre d’en Gaumés sull’isola di Minorca. Raffaele Melis aprendo poi i lavori del Convegno ha invitato gli ospiti presenti a utilizzare sa Limba, cosa che hanno accolto con molto piacere, dal Presidente della Provincia del Medio Campidano Fulvio Tocco al capo di Gabinetto della Regione Sarda  Assessorato del lavoro, Anselmo Piras, dal sindaco di Gonnosfanadiga Sisinnio Zanda, agli assessori comunali Rita Maria Cristina Concas e Vincenzo Montoni. A rappresentare l’isola di Minorca i giornalisti Pedro Melis e Iana Font che hanno illustrato, parlando in maiorchino, le particolarità che rendono interessanti gli accostamenti tra le culture minorchina e sarda. L’evento si è concluso nella sua seconda giornata con la discussione sulla diffusione oggi della lingua maiorchina e la lingua sarda, con interventi a cui hanno partecipato inoltre  Gianni Garbati, presidente dell’Associazione Sarda di Madrid, e il poeta gonnese Totto Putzu che ha regalato al pubblico presente gustose riflessioni sulla nostra Limba.        

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *