TOTTUS IN PARI, 296: L'AMBULATORIO INFERMIERISTICO SARDO (un servizio alla comunità biellese oltre i confini del circolo "Su Nuraghe")

Tottus in Pari, luglio 2010 - numero 296
Tottus in Pari, luglio 2010 - numero 296

 Per visionare integralmente il numero 296 di TOTTUS IN PARI, cliccare sulla copertina nella colonna di destra.
Se vuoi entrare nella mailing list per ricevere la pubblicazione sul tuo pc, richiedila a piffilandia@tiscali.it

2 risposte a “TOTTUS IN PARI, 296: L'AMBULATORIO INFERMIERISTICO SARDO (un servizio alla comunità biellese oltre i confini del circolo "Su Nuraghe")”

  1. Congratulazione al vostro giornale, oltre le informazioni parla in maniera molto obiettiva e diretta del mondo dell’emigrazione.
    In quale indirizzo elettronico possiamo cominciare mandare le informazioni dei nostri eventi?
    Il nostro sito è in construzione e a metà luglio sará concluso.
    São Paulo(Brasile) è una città di negozi e il nostro Circolo vuole fare questo scambio con i imprenditori sardi, se Lei conosce qualche ditta che vuole fare promozione del loro prodotti nel nostro sito sarà un piacere (ovvio senza pagamento) l’importante è divulgare la Sardegna in Brasile .
    Sono a disposizione per ulteriori informazioni.
    Cordiali saluti

  2. Carissimo Massimiliano,
    Prima di tutto ti saluto cordialmente.
    Ho visto nel numero di “Tottus in pari” l’articolo di Michela Murgia sull’opuscolo dell’Enel. Condivido pienamente il contenuto e plaudo all’autrice. Faccio però una osservazione: è stato solo l’Arborense a consegnare l’opuscolo non i giornali diocesani. il suo gesto non può compromettere gli altri periodici. Nuovo Cammino non l’ha propagandato e quindi non mi piace (ed è scorretto!) essere coinvolto nella faccenda. Come del resto non è giusto generalizzare sulla Chiesa sarda. Essa non c’entra niente. Questo per la giustizia e la correttezza nell’informazione.
    Ripeto: plaudo all’articolo di Michela Murgia, ma con questa chiarificazione. In fondo è stato solo il “suo” giornale che ha agito in questo modo. Forse anche ingannato. Del resto non è responsanile lui di quello che c’è scritto.
    Buon lavoro e complimenti per “Tottus in pari”. Cordiali saluti.
    Giovanni Pinna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *