SASSARI NEL BASKET RAGGIUNGE LA "SERIE A" DOPO 50 ANNI: UNA VITTORIA PER TUTTA LA SARDEGNA

la festa del "Banco Sardegna" di Sassari
la festa del "Banco Sardegna" di Sassari

ricerca redazionale

C’è una città impazzita, una città in festa che ha contagiato un’intera isola stretta intorno a un pallone da basket. La Dinamo porta Sassari e la Sardegna in Lega A e si sente un po’ più fiero di essere sardo. E un po’ più alto, come i giganti che indossano le canottiere sassaresi. Sassari ha rappresentato tutta l’isola, unita in una vittoria che in altri campi e su altri campi, non solo sportivi, è roba dimenticata. Adesso nel basket si è innalzata al rango delle metropoli Milano e Bologna, Roma e Napoli, e lo ha fatto dimostrando che non è necessario essere multimiliardari per riuscire a volare: basta usare al meglio testa e portafogli, anche quello che per necessità ha aperto la Regione sarda, salvando 11 mesi fa la Dinamo dal fallimento, contribuendo a ridurre gli svantaggi dell’essere isola, permettendo anche alla sua più forte squadra di basket di giocarsela alla pari – anzi meglio – con e contro tutti, e di poter continuare a rappresentare un positivo esempio per tanti giovani. Sempre di più da ieri sera. Se lo sport è una metafora della vita, il basket lo è doppiamente. Adesso è serie A1. Sassari dopo 50 anni di Dinamo e 20 di Lega Due la sentiva come un diritto ed è pronta a difenderla con unghie e denti oltre che con qualche sponsor, magari. Il marchio sulle maglie è quello di un Banco di Sardegna sempre meno sardo e sempre più distante dal basket che pure lo esalta in vetrina, mentre spiccano i colori della scritta Sardegna stampato su spalle forti. La promozione della Dinamo è il riscatto di un territorio prostrato dalla crisi, che sa che non è il mezzo milione di contributi a cambiare il destino dell’industria nel Sassarese ma trova dentro la retina un motivo di riequilibrio verso un sud sardo dal quale si sente spesso distante, e verso il quale rivendica – attraverso uno sport più elitario del calcio – una sorta di primato culturale (dalla prima università ai due Presidenti ai quali ha dato i natali) che ora può essere recuperato. Un riequilibrio da serie A, il Cagliari da una parte e la Dinamo dall’altra unite dal tifo di tutta l’isola. Al Palasport sventolavano le bandiere di tutti e Quattro i mori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *