BUFERA IN REGIONE SARDEGNA: PER LA STAMPA NAZIONALE, IL GOVERNATORE E' INDAGATO PER GLI APPALTI DELL'EOLICO. CAPPELLACCI: "SONO TRANQUILLO".

Ugo Cappellacci, è il Presidente della Regione Sardegna
Ugo Cappellacci, è il Presidente della Regione Sardegna

ricerca redazionale

Alla notizia della sua iscrizione nel registro degli indagati, nell’inchiesta romana per corruzione, il presidente della Sardegna si è affidato ad un commento rilasciato al quotidiano cagliaritano L’Unione Sarda. “Gli atti dicono che la mia Giunta non si è mai piegata alle speculazioni – ha detto ancora Cappellacci – e l’incontro con Flavio Carboni che mi sarebbe stato contestato è avvenuto in un’occasione ufficiale alla quale erano presenti anche magistrati”. Cappellacci sarebbe presente in diverse intercettazioni telefoniche. “Aspetto tranquillo e fiducioso nel lavoro della magistratura di conoscere i fatti e le circostanze oggetto di indagine. Sarò giudicato sui fatti. – ha detto Cappellacci – Emergerà con tutta evidenza la correttezza, la trasparenza e il rigore del lavoro della Giunta”. Intanto i magistrati della procura di Roma hanno sequestrato dei documenti negli uffici della Regione Sardegna nell’ambito delle indagini sugli appalti per gli impianti dell’energia eolica nell’isola. Le carte riguardano sia i dettagli del progetto eolico sia le modalità della nomina di Ignazio Ferraris nel 2009 a direttore generale dell’Arpas, l’azienda regionale per la protezione dell’ambiente in Sardegna. Una nomina che compete alla Giunta regionale. L’inchiesta, che vedrebbe coinvolti anche altri politici, è volta a far luce su concessioni e licenze per l’istallazione di parchi eolici con pagamenti da parte di ditte interessate di capitali transitati sui conti del Credito Cooperativo Fiorentino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *