Tavolo tecnico Governo – Regione Sardegna per la nuova continuità territoriale

ricerca redazionale

È pronta a decollare una nuova continuità territoriale aerea, con più rotte e più voli da e per la Sardegna e, soprattutto, condizioni economiche più favorevoli.  Il presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci, di concerto con il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli, incontrato a Roma, hanno convenuto di convocare il tavolo tecnico Governo-Regione Sardegna affinché si possa esaminare una prima bozza di accordo di programma. "Con l’accordo di programma – ha spiegato il presidente Cappellacci – di fatto anticipiamo le competenze attuative della continuità territoriale che dal 2010 saranno trasferite alle regioni". L’obiettivo del tavolo tecnico Governo-Regione è quello rivoluzionare in positivo la continuità territoriale così come è stata interpretata sino a oggi. Infatti, oltre a prevedere una riorganizzazione delle rotte aeree, che saranno ampliate, si intende garantire anche una maggiore frequenza di voli da e per l’Isola. Inoltre, il Presidente della Regione e il Ministro dei Trasporti hanno ritenuto opportuna una ridefinizione delle tariffe, che possano essere equiparate a quelle più vantaggiose del trasporto ferroviario.  "È con viva soddisfazione che comunico l’apertura di una nuova stagione per la continuità territoriale. Infatti, le risultanze del tavolo tecnico" per il Presidente della RAS "saranno fondamentali per garantire ai Sardi quella libertà di movimento che oggi è discriminata.  Ulteriore novità, la continuità sarà estesa a tutti i cittadini della Comunità Europea, così da dare compimento al grande progetto di industria turistico-culturale, settore strategico per l’occupazione e la crescita economica dell’Isola".  Intanto, in attuazione di un Accordo di programma, in Giunta è prevista l’adozione di una delibera che rimodula in trasporto ferroviario per passeggeri e merci. Anche in questo caso ci saranno nuovi orari, maggiori frequenze e una rimodulazione più economica delle tariffe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *