Segnalati due sardi al Premio di Poesia e Narrativa di Vigonza in provincia di Padova

di Gabriella Villani (foto archivio 2008)

 

Ci sono anche due poeti sardi tra i vincitori del premio di poesia e narrativa "Vigonza" 2009.
Raffaele Piras di Quartucciu (CA) con "Tempo" ha avuto la segnalazione nella Sezione Poesia in italiano tra gli autori del resto d’Italia. Il tema del tempo è trattato con perizia, proprietà lessicale ed eleganza stilistica. Ma non è la prima volta che Raffaele Piras viene premiato. Nel 2008 ha avuto il Primo premio con due poesie "Manixedda de cicara" e "Gana de sonnu". Giuseppe Tirotto di Castelsardo (SS) con la poesia "I la rena, la sera…" è stato segnalato per la poesia in dialetto tra gli autori del resto d’Italia. La sua è una lirica solenne, meditativa e malinconica. Il Premio Vigonza è stato assegnato al concorrente padovano Giovanni Caravello, vincitore del primo premio del Triveneto con la poesia "L’Assunta", al quale è andata la Medaglia del Presidente della Repubblica, che gli è stata consegnata dal Prefetto di Padova Michele Lepri Gallerano.
"Perpensa" (cose ben meditate), è il titolo dell’antologia che raccoglie le poesie in italiano e dialetto e i racconti brevi. I lavori pervenuti sono stati 1707 e, cosa strana, la maggior parte scritti da uomini.
Chi scrive queste note, come rappresentante della Comunità sarda a Padova, e componente della giuria nel 2008, ha consegnato il premio per Tirotto a Gian Vittorio Masala che ha letto la poesia in dialetto.
Il premio è sempre molto seguito e i testi, che arrivano anche dall’estero, dimostrano la sua notorietà e importanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *