"Oltre il Mediterraneo": la Sardegna si unisce all'Austria grazie al circolo sardo di Vienna

ricerca redazionale

 

Con il progetto "Oltre il Mediterraneo" si intende collegare la Sardegna e l’Austria, due realtà ancora lontane, attraverso la realizzazione di una collaborazione attiva e produttiva sia dal punto di vista della promozione turistica dell’Isola, sia per quanto concerne l’apertura di nuovi mercati per la commercializzazione dei prodotti locali. Attraverso la realizzazione di un evento di promozione della Sardegna in Austria, e precisamente a Vienna, si intende unire le energie delle due città "Cagliari e Vienna", in rappresentanza delle due realtà coinvolte, instaurando una rete di relazioni che conducano all’apertura di nuovi mercati. La manifestazione verrà realizzata il prossimo settembre nel Castello di Schönbrunn che, per tre giorni, ospiterà la Sardegna che, con una mostra, una sfilata di moda, convegni e workshop, presenterà le sue bellezze naturali, i suoi sapori, colori, profumi, musica, cultura e tradizioni. Il Progetto nasce dalla collaborazione con una significativa realtà dei sardi in Austria, l’Associazione Sardi Vienna Saint Remy che ha permesso di porre le basi per la realizzazione dell’iniziativa. Obiettivo primario del progetto, dunque, è quello di valorizzare e far conoscere la Sardegna agli austriaci. Promuovere, quindi, Cagliari e la Sardegna non solo come meta turistica ma anche, e soprattutto, come "cultura, ambiente, artigianato ed enogastronomia".
I promotori del progetto Venanzio Corrias e Paola Piroddi, con la partecipazione del Presidente dell’Associazione Sardi Vienna Saint Remy Paolo Corrias, hanno dedicato la settimana dal 18 al 22 maggio 2009 ad una visita nella città di Vienna per la definizione degli accordi di collaborazione in vista dell’evento previsto per il settembre prossimo. Gli incontri hanno puntato a chiudere accordi istituzionali con l’E.N.I.T. (Ente Nazionale Turismo Italia), l’I.C.E. (Istituto nazionale per il Commercio Estero) sotto l’altro patrocinio dell’Ambasciata Italiana. Per quanto riguarda l’aspetto turistico, i rappresentanti della Sardegna hanno incontrato il direttore dott. Gaetano Manzo. L’ENIT ha una Sede Centrale a Roma e numerosi uffici all’estero, tra cui l’Austria, che lavorano per promuovere l’immagine turistica dell’Italia. Durante l’incontro si è appurato quanto nelle premesse del progetto; la Sardegna è praticamente "sconosciuta" nel territorio austriaco, a parte la realtà della Costa Smeralda vista, però, solo come meta per ricchi. Gli Austriaci vanno si in Italia ma non vanno in Sardegna. Le cause principali possono essere rintracciate nel fatto che non si sono mai attivati canali efficaci di promozione dell’immagine della Sardegna tra le due realtà che consentano agli Austriaci di conoscerla nei suoi molteplici aspetti, e cioè mare, sole, cultura, tradizioni, enogastronomia, ecc. e poi, altro aspetto fondamentale, il fatto che non esistano collegamenti aerei diretti.
Il progetto è stato salutato con entusiasmo dal direttore Manzo che vede, in tale iniziativa, i presupposti per l’attivazione di un percorso promozionale che porterà all’apertura di un mercato nuovo di vacanze per gli austriaci: la Sardegna. Dal punto di vista della commercializzazione dei prodotti, il punto di riferimento è stato l’Istituto nazionale per il Commercio Estero. L’I.C.E. è l’ente che ha il compito di sviluppare, agevolare e promuovere i rapporti economici e commerciali italiani con l’estero, con particolare attenzione alle esigenze delle piccole e medie imprese, dei loro consorzi e raggruppamenti. A tal fine l’ICE, in stretta collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico elabora il Programma delle Attività promozionali, assumendo le necessarie iniziative e curandone direttamente la realizzazione. L’ICE ha la propria sede centrale in Roma e dispone di una rete composta da 17 Uffici in Italia e da 117 Uffici in 87 Paesi del mondo. Con il direttore dott. Antonio Ventresca il discorso è stato praticamente analogo a quello in ambito turistico. L’Austria risulta ancora un mercato "vergine" per i prodotti sardi nonostante ci siano sicuramente ampi spazi per l’esportazione di prodotti non solo enogastronomici ma anche dell’artigianato. La delegazione sarda è stata ricevuta, infine, dall’Ambasciatore Spinetti che, con il dott. Andrea Vitolo, responsabile del settore commerciale, ha consentito la definizione del programma e delle collaborazioni. L’Ambasciatore, profondo conoscitore e amante della Sardegna e delle sua cultura, ha riconosciuto la validità e l’importanza del progetto e assicurato la disponibilità dell’Ambasciata a supportare l’iniziativa in tutte le sue fasi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *