Al "Su Nuraghe" di Alessandria, verrà ricordato Sant'Ignazio di Laconi il 27 e 28 giugno

di Massimo Cossu

 

Sono il prossimo 27 e 28 giugno i festeggiamenti in onore di Sant’Ignazio da Làconi al circolo culturale  sardo "SU NURAGHE" di Alessandria. Lui, il Santo, è venerato in tutta la Sardegna, dove esistono diverse chiese a lui dedicate; Per quasi quaranta anni, dal 1741, fu frate questuante; la sua figura di umile fraticello, un po’ curvo e sempre assorto nella preghiera del Rosario, diventa presto cara ai cagliaritani, che si abituano a vederlo percorrere le strette e ripide strade della città, mentre non nega aiuto e consiglio a chi glielo chiede. Intanto cresce la fama della sua santità, si estende a tutta l’Isola e da ogni sua parte giungono a Cagliari pellegrini per incontrare il frate, spesso sperando di ricevere da lui uno di quei miracoli, che si narrava avesse compiuto. Il circolo SU NURAGHE lo vuole ricordare e presentare in questo modo, come si venerano i numerosi Santi in una festa tipica celebrata in terra sarda. Con riti religiosi e profani. Cercando di non cadere nella banalità della festa e nella superficialità del religioso. Grazie alla collaborazione dei soci del circolo e a quanti hanno potuto dare un’offerta per la realizzazione di questi festeggiamenti e, soprattutto, al benestare del presidente Efisio Ghiani, sensibile a queste tipo di manifestazioni, si è potuta organizzare una vera festa di Sant’Ignazio da Laconi che durerà due giorni. I festeggiamenti civili si svolgeranno sabato 27, alla sera, con FOZZAS, spettacolo musicale interamente in lingua sarda, alle 21 e 30. Ma la serata inizierà già prima con una grigliata mista presso il giardino del Circolo Sardo. Nello stesso giardino, verranno poi celebrati i festeggiamenti religiosi, con la messa, alla domenica mattina alle 11, presieduta da don Angelo e alcuni con celebranti; la Santa messa accompagnata in tutte le parti dai Tenores di Abbasanta (OR) renderanno onore al Santo povero della Sardegna, ai soci e a chi volesse partecipare ai festeggiamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *