Dal 27 al 30 novembre, la fiera del libro a Macomer

ricerca redazionale

 

Dal 27 al 30 novembre si rinnova a Macomer l’appuntamento con la Mostra del Libro in Sardegna. "Il programma intrapreso, in un processo che è stato il più inclusivo e collaborativo possibile, è finalizzato a promuovere la lettura specialmente tra i ragazzi e candida Macomer a diventare il laboratorio in cui ciò accade, non solo nei tre giorni della Mostra, ma durante tutto l’anno" ha dichiarato l’assessore della Pubblica istruzione Maria Antonietta Mongiu presentando il programma alla stampa. L’ottava edizione della manifestazione, che si apre giovedì 27 alle 17 negli spazi dell’area fieristica delle ex Caserme Mura, sperimenta un percorso che partirà dalle scuole – rappresentate da cinque Focus Groups di docenti, uno per ogni grado di istruzione scolastica ed uno dedicato alle biblioteche scolastiche – chiamate a mettere a fuoco i percorsi, i temi e le proposte culturali della prossima edizione della Mostra del Libro in Sardegna che si svolgerà nell’Aprile del 2009. Un vero e proprio laboratorio di idee che testimonia quanto la scuola sia importante per la Mostra del Libro e viceversa, tanto da affidarle il compito di "progettare" il proprio futuro. La Mostra del Libro di Macomer sarà anche, come sempre, l’occasione per conoscere libri, incontrare autori, partecipare alle tante iniziative che anche quest’anno danno vita a un programma vasto e stimolante. La grande esposizione curata dall’Alsi nel Padiglione Tamuli vedrà protagonista la produzione editoriale sarda, mentre un calendario di dieci presentazioni prevede l’incontro con gli scrittori Cristiano Cavina, Alberto Capitta, Francesco Abate, Pierdomenico Baccalario, Elena Peduzzi, Michela Murgia, Gianfranco Liori, Gianluca Floris, Paolo Maccioni, Gianluca Medas, Mario Mereu, Simona Tilocca, Nino Nonnis, Eliano Cau e Bepi Vigna. Il confronto con la scienza dominerà l’intera mattinata di sabato 29. Le esperienze informali di scienza e lettura, l’incentivazione alla lettura, l’incontro tra teatro e scienza, la creazione di giocattoli dai rifiuti e l’importanza della divulgazione scientifica nel settore delle energie rinnovabili sono i temi che si susseguiranno. Nelle tre giornate saranno inoltre numerosi gli appuntamenti con il teatro, le mostre, la presentazione di lavori delle scuole, mentre la sera sarà possibile dedicarsi all’osservazione degli astri. Saranno presentati al pubblico la "Sardegna Digital Library", la recente Carta Giovani regionale, le opportunità offerte dalla Regione agli studenti (assegni di merito, laboratori scuole, diritto allo studio) e l’iniziativa "Adotta un libro dimenticato", ovvero la distribuzione gratuita agli studenti dei libri acquistati dalla Regione negli ultimi anni.

In contemporanea dal 28 al 30 novembre si terrà sempre a Macomer la Conferenza regionale della lingua sarda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *