29 novembre: la grande festa in Belgio con i circoli sardi di Mons e Charleroi

di Carlo Patatu

 

Festa Sarda a Colfontaine (Mons-Belgio) il 29 novembre prossimo. La manifestazione, voluta e organizzata dai due circoli Sardi "Su Nuraghe" di Flenu-Mons e "Quattro Mori" di Chatelineau-Charleroi, avrà luogo nei locali dell’Espace Magnum di Colfontaine (Mons). La ricorrenza, quest’anno, assume solennità e importanza di tutto rilievo. Per la prima volta la festa sarda, che ha scansione annuale, è organizzata congiuntamente da due circoli diversi. Lo hanno voluto fermamente i rispettivi presidenti Ottavio Soddu e  Vito Boi. I due circoli sono rappresentativi di oltre mille sardi che, stabilitisi in origine nelle zone minerarie della Vallonia, ora sono cittadini belgi a tutti gli effetti. Integrati perfettamente e in modo compiuto in quella comunità, connotata da accoglienza e grande senso civico. L’auspicio, sottolineano Boi e Soddu nella lettera d’invito inviata ai soci, è che, in un futuro prossimo, anche gli altri circoli sardi uniscano le forze per organizzare un’unica grande "Festa Sarda". Il programma predisposto dal comitato organizzatore prevede l’inizio della serata alle ore 19.00, con la cena sociale. Il menu, elaborato nel rispetto della tradizione isolana, promette antipasto sardo, maialetto arrosto con contorno, un piatto di formaggi e, per chiudere, il dessert. Il tutto innaffiato dal generoso vino nostrano. Seguirà l’esibizione dei "Cordas e Cannas", famoso gruppo musicale gallurese reduce dai successi di New York, Brasile, Cuba, Giappone, Russia, Scozia, Australia e Olanda. Essi intratterranno gli ospiti fino a mezzanotte. Quindi il via alle danze, con musica da discoteca. Alla serata conviviale parteciperanno, quali ospiti d’onore, i sindaci di Talana (Ogliastra) e di Sant’Anna-Arresi (Sulcis-Iglesiente). A loro sarà dedicato un momento importante e significativo. Gli organizzatori sottolineano che, nella circostanza, la festa assume un’importanza rilevante, ricorrendo il 35. anniversario della fondazione del circolo "Quattro Mori" di Charleroi, il 30. del "Su Nuraghe" e il 25. della costituzione del "Gruppo Folk Su Nuraghe",. Ottavio Soddu e Vito Boi si aspettano che l’invito a partecipare alla festa sia accolto da un numero di sardi il più grande possibile. Sarà un modo, anche questo, per rinverdire i ricordi, le tradizioni, i profumi e i sapori della terra natia. Ma anche l’occasione per una rimpatriata festosa fra amici e parenti; per riabbracciarsi e rivivere momenti importanti della vita di ciascuno, trascorsi in Patria e fuori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *